Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Trattativa Stato-mafia, si apre processo, Ingroia: c’è emozione

VIDEO
colonna Sinistra

Trattativa Stato-mafia, si apre processo, Ingroia: c’è emozione

In aula anche Mancino, Ingroia al passo d'addio

Palermo (TMNews) – L’emozione di Ingroia, magistrato al passo d’addio dall’Italia, segna l’inizio del processo per la presunta trattativa tra Stato e mafia, che si apre a Palermo.”C’è emozione – ha detto ai cronisti – perché inizia un processo importante e perché sono gli ultimi giorni, forse potrebbe essere la mia ultima udienza come procuratore aggiunto a Palermo”.L’emozione traspare anche nelle parole di Salvatore Borsellino, fratello del magistrato ucciso in via D’Amelio, che dal processo spera di trovare delle risposte. “Io credo – ha spiegato – che con la parte sana del Paese, che oggi dovrebbe essere qui presente, io credo che alla verità si possa arrivare”.Nell’aula bunker del carcere Pagliarelli di Palermo, l’udienza preliminare vede sul banco degli imputati dodici tra rappresentanti delle istituzioni, delle forze dell’ordine e di Cosa nostra, che sono sospettati di aver avuto legami e portato avanti, a cavallo della prima metà degli anni ’90, una strategia comune, finalizzata al raggiungimento di una pacifica convivenza, e il superamento della “strategia” stragista del biennio 1992-1994. In Aula anche l’ex presidente del Senato, Nicola Mancino, accusato di falsa testimonianza, che chiederà probabilmente lo stralcio della sua posizione. Ma per il sindaco di Palermo Leoluca Orlando si tratta in qualche modo di una resa dei conti interna alle istituzioni.”E’ un pezzo di Stato che viene processato dall’unico Stato, quello della legalità”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su