Header Top
Logo
Venerdì 21 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Intera famiglia di falsi ciechi: mezzo milione truffato all’Inps

VIDEO
colonna Sinistra

Intera famiglia di falsi ciechi: mezzo milione truffato all’Inps

Scoperti in tutto dalla Gdf, tra Torino e Latina, sei simulatori

Milano, 27 lug. (TMNews) – Al lavoro con tanto di bastone bianco e difficoltà di movimento, poi una volta lontana, via il sostegno e svelta a sbrigare le proprie faccende zigzagando tra transenne e marciapiedi. Insospettiti da queste strane guarigioni, gli uomini della Guardia di Finanza di Torino hanno scoperto che la donna, residente a Moncalieri e assunta in un ente pubblico come “categoria protetta” era in realtà una “falsa cieca”.Ma anche il fratello, la madre e lo zio, residenti in provincia di Latina, risultavano portatori dello stesso handicap. E anche nel loro caso la cecità era del tutto simulata. I quattro sono stati filmati durante un ricevimento mentre ballavano e si muovevano con disinvoltura tra i tavoli.La simulazione correva sin dall’82: 800 euro al mese che, sommati negli anni, fanno più di mezzo milione di euro di danno procurato dai quattro all’Inps, ovvero alle casse pubbliche; o meglio: sottratti alle risorse assegnate a chi è davvero in una condizione di handicap.Sempre a Torino altri due casi di falsi invalidi scoperti dopo la denuncia al “117”. Nel primo l’uomo denunciato simulava la cecità, ma è stata filmato mentre accompagnava il figlio a scuola . Circa 80.000 euro percepiti in 10 anni.Nel secondo caso un’altra donna, torinese, oltre alla cecità totale dall’età di 14 anni simulava anche un’infermità che la costringeva sulla sedia a rotelle. Ha intascato oltre 130.000 euro, ma le Fiamme Gialle l’hanno ripresa intenta, dopo aver parcheggiato la sedia a rotelle, a salire da sola alcuni scalini.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su