Header Top
Logo
Lunedì 27 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Confcommercio: Italia più povera, consumi indietro di 15 anni

VIDEO
colonna Sinistra

Confcommercio: Italia più povera, consumi indietro di 15 anni

Sangalli: serve una terapia d'urto per rilanciare la crescita

Roma (TMNews) – Un’Italia decisamente più povera, con un Pil procapite che torna ai livelli del 1999 e i consumi che fanno un balzo indietro di addirittura 15 anni. E’ questa la preoccupante fotografia dello stato del nostro Paese che emerge dell’Assemblea annuale di Confcommercio a Roma. A lanciare l’allarme il presidente Carlo Sangalli. “Un balzo all’indietro di quasi 15 anni, è questa purtroppo la fotografia”.A preoccupare in commercianti, in particolare, è la situazione delle tasse, con lo spauracchio di un aumento dell’Iva che, secondo Confcommercio, potrebbe rivelarsi una “Caporetto” per le famiglie e per le imprese italiane. “Diteci quando si inizierà a ridurre le tasse, lo chiediamo a chiare lettere”.La crescita, dunque, come necessità imprescindibile che, per Sangalli, andrebbe affrontata tenendo conto delle ragioni dell’economia reale e delle imprese. E Sangalli ha una richiesta precisa per la politica: “Una terapia d’urto per il contrasto della recessione ed il ritorno alla crescita”. Perché l’Italia produttiva non vuole sottomettersi a quella che è definita una “dittatura dello spread” e non crede nell’ineluttabilità del declino del nostro Paese.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su