Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Maradona e il fisco, l’Agenzia dell’entrate: sconto modestissimo

VIDEO
colonna Sinistra

Maradona e il fisco, l’Agenzia dell’entrate: sconto modestissimo

3mila euro e non 5 milioni. L'avvocato: non un solo euro dovuto

Napoli (TMNews) – “Maradona non deve neanche un euro al Fisco, la Commissione ha annullato 4 cartelle stabilendo che le notifiche sono nulle ora quanti milioni siano tra interessi e sanzione non è importante, è evidente che le procedure di riscossione di Equitalia non siano regolari perché le cartelle non vengono mai notificate”E’ il commento dell’avvocato Angelo Pisani, legale di Maradona nel processo a suo carico per evasione fiscale, alla risposta dell’Agenzia delle entrate di Napoli alla notizia del presunto “sconto” di circa 5 milioni di euro, concesso dalla Commissione tributaria provinciale al “pibe de oro”, in merito al suo debito con il Fisco italiano.”Tale debito – scrive l’ente – è stato integralmente riconosciuto come dovuto per l importo di 37.4 milioni di euro”.Per il resto si tratta di cifre modestissime, poco più di 3mila euro, in relazione alle quali i giudici campani hanno accolto il ricorso dei legali di Maradona che parlano di errori procedurali nelle notifiche e annunciano una serie di ricorsi. “Delle sei cartelle impugnate, 4 sono risultate non notificate le altre due non sono state esaminate in quanto ritenute già esaminate dalla Cassazione, ma non è vero perché quel giudizio della Cassazione è terminato con una sentenza di inammissibilità del ricorso, quindi non è mai scesa nel merito””Non lo so chi ha parlato di sconto di 5 milioni di euro, noi sappiamo che sono state annullate 4 cartelle ma non sappiamo gli importi, anche perchè non abbiamo mai visto le cartelle ma solo degli estratti di ruolo di Equitalia che stampa ogni giorno un importo diverso secondo gli interessi che applica”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su