Header Top
Logo
Giovedì 29 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Confartigianato: i giovani principali vittime della crisi

VIDEO
colonna Sinistra

Confartigianato: i giovani principali vittime della crisi

Allarme lanciato alla Assemblea Giovani Imprenditori a Firenze

Milano, (TMNews) – Sono i giovani le principali vittime della crisi economica: tra il 2008 e il 2011, infatti, i lavoratori under 40 sono diminuiti dell’11,4%, che tradotto significa 1 milione e 200mila occupati in meno. Accanto a questo c’è il dato sul costo del lavoro che in Italia è “sempre più alto” con un onere per le imprese di 376 miliardi all’anno. A realizzare questo quadro a tinte fosche è la Confartigianato, durante l’Assemblea dei Giovani Imprenditori che si svolge al Convitto della Calza, a Firenze, intitolata “Riprendiamoci la nostra impresa”.Da Firenze è arrivato un appello al mondo della politica. Il presidente dei Giovani Imprenditori di Confartigianato, Marco Colombo, ha chiesto di investire sui giovani e sulle imprese per uscire dalla crisi.Anche dal presidente di Confartigianato, Giorgio Guerrini, un appello a pensare maggiormente ai più giovani. “Fare tutto quel che si può per permettere un più facile ingresso dei giovani nel mondo del laoro”.Fare tutto quello che si può per permettere un più facile ingresso dei giovani al mondo del lavoro.Dall’analisi, emerge inoltre che il conto più salato viene pagato dalle imprese di dimensione più piccola: per quelle con meno di 50 addetti, infatti il costo del lavoro è pari al 51,6% del valore aggiunto. A gonfiarlo è la pressione fiscale: secondo Confartigianato, infatti, la tassazione sul lavoro di un dipendente single senza figli è del 46,9%, ovvero il 12% in più rispetto alla media dei Paesi Ocse.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su