Header Top
Logo
Sabato 23 Settembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • La storia di Nadia: 2 mesi al Cie, poi il permesso di soggiorno

VIDEO
colonna Sinistra

La storia di Nadia: 2 mesi al Cie, poi il permesso di soggiorno

Dopo Ponte Galeria, documento rilasciato per motivi di giustizia

Ponte Galeria, (TMNews) – “Mi chiamo Nadia, ho 29 anni, so ‘de Roma’, sono al Cie da due mesi ma oggi torno libera”. Nadia è ora a casa dal suo ragazzo, a Roma: ha infatti ottenuto un permesso di soggiorno per motivi di giustizia. In una intervista a TMNews, racconta perchè si trova al Centro di identificazione ed espulsione di Ponte Galeria.”Mi hanno preso con il mio ragazzo e un mio amico, avevamo fatto casino. Non avevamo i documenti e ci hanno portato all’ufficio immigrazione”. Preferisce non dire, davanti alle telecamere, delle violenze subite dal padre. Allora Nadia lo ha denunciato e lui, per ritorsione, l’ha cancellata dal suo stato di famiglia e dai documenti del permesso di soggiorno. Così Nadia è diventata clandestina e per lei si sono aperte le porte del Centro di Identificazione ed Espulsione di Ponte Galeria, vicino Roma, dove è rimasta per due mesi.Ma Nadia si sente italiana e continua a ripetere: “Sì, so italiana, ‘so de Roma’”.Alla sua storia si sono interessati gli assistenti sociali della cooperativa Auxilium che gestisce il Cie, e l’ufficio immigrazione della Questura di Roma. Così Nadia racconta il periodo trascorso al Cie: “Sono stata per due settimane da sola e in silenzio, piangeva, non mangiavo. Poi ho capito che stare qua dentro era parte del mio percorso”.Ora ha il permesso di soggiorno e inizia una nuova vita: cerca lavoro, magari in un ristorante, a Roma, la sua città.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su