Header Top
Logo
Mercoledì 26 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Modena, il giornalista Tizian sotto scorta: continuo mio lavoro

VIDEO
colonna Sinistra

Modena, il giornalista Tizian sotto scorta: continuo mio lavoro

Scrive di mafia e di infiltrazioni al Nord per un giornale locale

Modena, (TMNews) – Dal 2006 come giornalista precario ha scritto di mafie e di infiltrazioni al nord per un quotidiano locale. Da venti giorni Giovanni Tizian vive sotto scorta: probabilmente, dato che la magistratura non ha ancora chiarito il motivo, perché le sue inchieste hanno disturbato troppo. A Modena Tizian ha presentato il suo libro “Gotica” che parla di ‘ndrangheta, mafia e camorra: l’affluenza è stata straordinaria, c’erano il sindaco Giorgio Pighi e il presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna Matteo Richetti, oltre ai rappresentanti di Libera e dell’associazione “DaSud”. “Sto continuando a fare quello che ho sempre fatto – dice – quindi cerco di recuperare la normalità e fare il mio lavoro. La mia vita è sconvolta, ma se è per la mia tutela va bene così”.Alla scorta, dice Tizian, ci si abitua: la sua esperienza, che spera sia il più breve possibile, può essere di esempio per gli altri. “Questa è l’Italia, un Paese strano in cui chi racconta rischia di essere fermato da chi vorrebbe imbavagliarlo. Uno non cambia nulla, la società civile deve recepire il nostro lavoro, che possa servire da stimolo per sviluppare una coscienza”.A Tizian la ‘ndrangheta nel 1989 ha ucciso a Locri il padre: per questo la decisione di trasferirsi con la madre a Modena. Dopo anni di inchieste con La Gazzetta di Modena, ora Tizian collabora anche con Linkiesta e con Narcomafie.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su