Header Top
Logo
Martedì 21 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Parmalat, malore per Tanzi in aula. Legali: servono domiciliari

VIDEO
colonna Sinistra

Parmalat, malore per Tanzi in aula. Legali: servono domiciliari

Ex patron lascia il Tribunale durante processo di appello

Bologna, (TMNews) – E’ arrivato poco prima delle 10 al Tribunale di Bologna, e dopo due ore e mezza ha dovuto lasciare l’aula: un lieve malore ha colpito Calisto Tanzi, ex patron di Parmalat, mentre partecipava al processo d’appello per il crack dell’azienda di Collecchio. Per i suoi difensori, come spiega l’avvocato Giampiero Biancolella, è la dimostrazione che Tanzi non può continuare a sopportare il regime carcerario ma, come prevede la legge, gli devono essere concessi gli arresti domiciliari.”Sicuramente è molto provato, quindi da un lato ha voluto evitare che si pensasse che la sua assenza fosse valutata, come è successo purtroppo dinanzi al Tribunale di sorveglianza, come una mancata assoggettazione alla legge, e dall’altro le condizioni di salute non consentivano che riuscisse ancora a rimanese in aula quindi ha chiesto di andar via”.Tanzi, dimagrito e in affanno, è sceso dal cellulare della polizia penitenziaria del carcere di Parma ed è entrato in aula, dove si è seduto a fianco dei suoi difensori. Dopo oltre due ore ha accusato un lieve malore e ha chinato la testa: il giudice che presiedeva l’udienza, ha concesso dieci minuti di pausa. Intorno alle 12.30 Tanzi si è alzato in piedi e ha raggiunto l’uscita per poi salire sul mezzo della polizia penitenziaria.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su