Header Top
Logo
Venerdì 24 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Crisi: come ci vedono all’estero. Il reportage della CNN

VIDEO
colonna Sinistra

Crisi: come ci vedono all’estero. Il reportage della CNN

Rischio default e i timori dei cittadini raccontati nel servizio

Milano, 14 lug. (TMNews) – Un paese sull’orlo del default, malgrado i suoi stereotipi alla fine sempre benevoli e salvifici. E’ questa l’immagine dell’Italia che emerge dai resoconti giornalistici stranieri. Quello che segue è, per esempio, quanto diffuso dalla Cnn sui principali network internazioniali legati all’emittente statunitense.Roma, una città famosa per la “Dolce vita”, per quanto neanche grosse dosi di zucchero potrebbero addolcire l’amara pillola che gli italiani presto dovranno ingoiare.Anni di vita comoda e di cattiva politica hanno lasciato l’Italia con un debito al 120 per cento. Tutti sono d’accordo che si debba trovare in fretta una soluzione, ma è meno chiaro dove cadrà esattamente la scure e quando verranno fatte le riforme.Il Ministro delle Finanze promette di premere sull’acceleratore per l’approvazione della manovra entro venerdi’.. una velocita’ record per un Paese famoso per i suoi infiniti dibattiti politici… E per la gioia del mondo degli affari.”Stiamo lavorando tutti insieme e io spero sia abbastanza per per dire al mercato che l’Italia c’è, il governo c’è, gli imprenditori ci sono: noi stiamo lavorando tutti per ridurre il deficit e tagliare la spesa e far sì che l’Italia ritorni a crescere”.Il servizio dà conto anche dell’assemblea annuale dei banchieri a Roma che la cronista ritiene sia un contesto perfetto per raccontare la crisi italiana oltre i confini nazionali.”La parola che qui hanno in mente tutti è austerità. Ma non default, almeno così sembra…”Pensa che l’Italia potrà andare in default col suo debito?”.In un suo appello all’unità nazionale, il primo ministro Silvio Berlusconi ha avvertito che senza le riforme necessarie questo paese tornerebbe indietro di 20 anni … Ai giorni pre-euro, in cui la lira regnava sovrana. All’uomo della strada, o del bar, in fondo non sembra un male.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su