Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Libia, la vita dei militari Nato nella base di Sigonella

VIDEO
colonna Sinistra

Libia, la vita dei militari Nato nella base di Sigonella

Qui convivono le forze Nato italiane, svedesi, turche

La base militare siciliana di Sigonella svolge un importante ruolo logistico nella guerra in Libia. Qui sono confluiti mezzi e uomini Nato che partecipano all’operazione “Unified Protector”, in sostegno della popolazione libica che si è ribellata a Gheddafi. Militari di diversi paesi sono di stanza qui ora, e raccontano la loro vita, mentre a Tripoli e a Misurata si combatte.”E’ impegnativo, i piloti devono essere sempre molto concentrati perché tu sai che puoi essere colpito o puoi colpire tu – racconta un pilota, nome in codice Mel – comunque penso che tutti siano davvero orgogliosi di fare parte di questa missione per proteggere la popolazione libica”.”Loro sono davvero dei bravi piloti, preparati, hanno sulle spalle molte ore di volo e un addestramento avanzato – spiega il colonnello Anders Rex – Abbiamo una grande squadra, tutti lavorano molto bene. E allora io penso ai miei colleghi dell’esercito che devono mandare i loro uomini a pattugliare Helmand, in Afghanistan, rispetto a loro questo lavoro mi sembra meno duro, ma è una grande responsabilità e la prendiamo molto seriamente”. I militari nella base da settimane dividono spazi, dubbi e missioni.”E’ piacevole vedere gli italiani parlare con la gente svedese, con i turchi, i danesi, gli americani e i canadesi – racconta Luca Tonello comandante del 41 stormo dell’aeronautica militare italiana – Tutto sembra facile ma in realtà dietro ogni cosa c’è un grande lavoro”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su