Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • L’allarme armamenti chimici nell’Adriatico arriva in Russia

VIDEO
colonna Sinistra

L’allarme armamenti chimici nell’Adriatico arriva in Russia

Economia pugliese in crisi, il pesce è sparito

Ecosistema ed economia a rischio in Puglia, a causa dei residuati bellici abbandonati nel mare Adriatico dalla Prima guerra Mondiale agli anni Novanta, ai tempi della guerra del Kosovo. L’eco dell’allarme lanciato dai pescatori locali, che accusano la Nato di aver sconvolto il loro lavoro e le loro vite, arriva in Russia: l’agenzia RT documenta la situazione con un video. Gianni Lannes, giornalista investigativo, prova da anni a rivelare gli aspetti nascosti della vicenda, e per questo è stato minacciato anche di morte.Al colonnello Greg Julian, portavoce dell’esercito americano, è affidata la giustificazione dei militari. “Abbiamo fatto tutto il possibile per rispettare le leggi ambientali in operazioni e esercitazioni, durante la campagna in Kosovo abbiamo fatto di tutto per rimuovere i pericoli”. La Nato parla di sei aree contaminate lungo le coste: mentono, denuncia Lannes, sono 24. Intanto il pesce scarseggia: dal 1999 è praticamente scomparso da queste acque e i componenti chimici hanno causato danni alla salute umana. La cooperativa della città di Molfetta contava 200 iscritti, oggi sono cinque.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
VIDEO CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su