mercoledì 28 settembre | 03:42
pubblicato il 09/feb/2016 17:15

Trivelle: gli irlandesi se ne vanno, stop al programma di esplorazione alle Tremiti

Guidi: "Adesso basta con le strumentalizzazioni"

Trivelle: Petroceltic rinuncia al programma di esplorazione alle Tremiti

Roma, 9 feb. (askanews) - Petroceltic rinuncia al suo programma di esplorazione di idrocarburi a largo delle Isole Tremiti. La società irlandese ha infatti presentato al Ministero dello sviluppo economico istanza di rinuncia al permesso di ricerca. La decisione, spiega la stessa Petroceltic in una nota, è stata adottata dopo "un'ottimizzazione strategica, tecnica ed economica dell'intero portafoglio italiano, a seguito dei ripetuti cambiamenti della normativa italiana di settore e di un'attenta analisi che la società controllante, Petroceltic International Plc, ha elaborato alla luce delle evoluzioni del mercato globale". In particolare "in riferimento al permesso di ricerca B.R274.EL conferito dal Ministero dello Sviluppo Economico e situato nel Mare Adriatico meridionale, essendo trascorsi 9 anni dalla presentazione dell'Istanza - periodo durante il quale si è registrato un significativo cambiamento delle condizioni del mercato mondiale - Petroceltic Italia ha visto venir meno l'interesse minerario al predetto permesso". "A fronte di questa valutazione - prosegue la socetà - Petroceltic Italia ha presentato Istanza di rinuncia al Ministero dello Sviluppo Economico. In aggiunta saranno ottimizzati i programmi e le tempistiche dei lavori previsti per gli altri titoli minerari, nei confronti dei quali Petroceltic Italia mantiene inalterato il proprio interesse minerario e il proprio impegno ad operare nel pieno rispetto delle norme comunitarie e dello Stato italiano vigenti e dei più elevati standard del settore, nella massima trasparenza e in collaborazione con le comunità locali".

"Spero venga messa una volta per tutte la parola fine ad alcune strumentalizzazioni sul tema delle attività di ricerca in mare", ha dichiarato il ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, in una nota in cui il Dicastero "accoglie con rispetto" la decisione annunciata dalla società irlandese di rinunciare al permesso di ricerca nel mare Adriatico meridionale. "Si tratta di un passo indietro - sottolinea il Mise - che risponde ad esigenze industriali strategiche della società di cui il Ministero prende atto". "Spero adesso che, grazie anche a questa scelta" aggiunge il ministro "venga messa una volta per tutte la parola fine ad alcune strumentalizzazioni sul tema delle attività di ricerca in mare che erano infondate già prima e che lo sono, a maggior ragione, dopo la decisione della Petroceltic".

Int3

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Grandi opere
Renzi: pronti per il Ponte sullo Stretto. Il sindaco di Messina: una follia
Governo
Riforma pensioni, che cosa è l'Ape e "l'Ape social"
M5s
Carla Ruocco (l'anti Virginia Raggi) e i suoi fratelli (che non la vogliono più)
Giappone
Il mistero delle monete romane ritrovate in Giappone
Altre sezioni
Salute e Benessere
Parte dal Gemelli Camion del Cuore, ambulatorio mobile cardiologia
Enogastronomia
Vino, Masi Agricola acquisisce il 60% di Canevel (Prosecco)
Start Up
Giovani talenti digitali in gara per l'ufficio postale del futuro
Motori
Cresce l'interesse per le vetture ibride: +41% vendite per l'usato
Turismo
Touring Club, per 66% italiani vacanze 2016 nel Belpaese
Moda
O bag torna a sostenere la Fondazione Umberto Veronesi
Sistema Trasporti
Singapore Airlines inaugura la rotta "Capital Express"
Scienza e Innovazione
Allarme Oms: 92% popolazione mondiale respira aria inquinata
Lifestyle e Design
Editoria, Roberto Ippolito svela tutti gli "Eurosprechi"