lunedì 05 dicembre | 20:36
pubblicato il 20/feb/2016 11:31

Torna a salire la cassa integrazione. Cgil: a gennaio +33,8% su mese

Boom Cigs (+70,4% sul mese precedente e +69,61% su gennaio 2015)

Torna a salire la cassa integrazione. Cgil: a gennaio +33,8% su mese

Milano, 20 feb. (askanews) - Le ore di cassa integrazione guadagni (Cig) nel mese di gennaio sono state 56.933.097, con un aumento del 33,86% rispetto al mese precedente e del 12,84% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. L'aumento è legato, nella quasi totalità, alle ore di Cigs (+70,4% sul mese precedente e +69,61% su gennaio 2015). Il volume delle ore di Cig del mese scorso conferma l'assenza di attività produttiva (zero ore) per potenziali 330mila posizioni lavorative. E' quanto emerge dal rapporto dell'Osservatorio Cig della Cgil, frutto di elaborazioni delle rilevazioni sulla cassa condotte dall'Inps. Nel solo mese di gennaio, ha evidenziato il rapporto, i lavoratori in Cig hanno perso complessivamente circa 218 milioni di euro del reddito al netto delle tasse, mentre ogni singolo lavoratore in cassa integrazione a zero ore ha subito una riduzione del salario al netto delle tasse di oltre 640 euro. Secondo il rapporto le regioni dove la richiesta di ore di Cig è tornata a salire nel mese di gennaio sono: Piemonte, Toscana, Umbria, Lazio e Molise. I settori più in difficoltà e con più ore richieste restano quello meccanico (con un aumento del 98,87%) e i settori del commercio e dell'edilizia, che però registrano una riduzione delle ore rispetto al mese precedente. "Per recuperare la sotto utilizzazione degli impianti e la messa a regime del sistema produttivo - si legge nel rapporto - c'e ancora molto da migliorare. Nella maggioranza delle crisi aziendali restano sempre troppo pochi gli interventi attivi, le crisi aziendali vengono costatate ma nella quasi totalità dei casi non vengono avviati interventi strutturali di miglioramento. La permanenza e la salvaguardia del proprio posto di lavoro, - sottolinea il rapporto - continua a trovare una sola risposta dall'attivazione dei contratti di solidarietà, con l'effetto che la crisi continua ad essere suddivisa tra i lavoratori, ma non superata. Contratti di solidarietà che rappresentano una risorsa positiva e un freno ai licenziamenti ma anche il limite della situazione occupazionale e produttiva". "Il problema di fondo - conclude il report - resta quello che un'occupazione e una ripresa stabile non si consoliderà fino a quando la gran parte del sistema delle imprese non recupererà competitività nella propria offerta di merci, per innovazione, costi e qualità, mentre la domanda interna dovrà essere sostenuta da una ripresa del valore economico delle retribuzioni e delle pensioni". Red/Rar 201104 feb 16 Red/Rar MAZ

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Referendum
Cosa hanno detto Di Battista e Di Maio dopo la vittoria del "no"
Referendum
Come Beppe Grillo ha commentato la vittoria del "no"
Pd
Cosa vuole fare Massimo D'Alema dopo le dimissioni di Renzi
Riforme
Come i media internazionali commentano la vittoria del "No"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari