venerdì 01 luglio | 04:38
pubblicato il 20/feb/2016 11:31

Torna a salire la cassa integrazione. Cgil: a gennaio +33,8% su mese

Boom Cigs (+70,4% sul mese precedente e +69,61% su gennaio 2015)

Torna a salire la cassa integrazione. Cgil: a gennaio +33,8% su mese

Milano, 20 feb. (askanews) - Le ore di cassa integrazione guadagni (Cig) nel mese di gennaio sono state 56.933.097, con un aumento del 33,86% rispetto al mese precedente e del 12,84% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. L'aumento è legato, nella quasi totalità, alle ore di Cigs (+70,4% sul mese precedente e +69,61% su gennaio 2015). Il volume delle ore di Cig del mese scorso conferma l'assenza di attività produttiva (zero ore) per potenziali 330mila posizioni lavorative. E' quanto emerge dal rapporto dell'Osservatorio Cig della Cgil, frutto di elaborazioni delle rilevazioni sulla cassa condotte dall'Inps. Nel solo mese di gennaio, ha evidenziato il rapporto, i lavoratori in Cig hanno perso complessivamente circa 218 milioni di euro del reddito al netto delle tasse, mentre ogni singolo lavoratore in cassa integrazione a zero ore ha subito una riduzione del salario al netto delle tasse di oltre 640 euro. Secondo il rapporto le regioni dove la richiesta di ore di Cig è tornata a salire nel mese di gennaio sono: Piemonte, Toscana, Umbria, Lazio e Molise. I settori più in difficoltà e con più ore richieste restano quello meccanico (con un aumento del 98,87%) e i settori del commercio e dell'edilizia, che però registrano una riduzione delle ore rispetto al mese precedente. "Per recuperare la sotto utilizzazione degli impianti e la messa a regime del sistema produttivo - si legge nel rapporto - c'e ancora molto da migliorare. Nella maggioranza delle crisi aziendali restano sempre troppo pochi gli interventi attivi, le crisi aziendali vengono costatate ma nella quasi totalità dei casi non vengono avviati interventi strutturali di miglioramento. La permanenza e la salvaguardia del proprio posto di lavoro, - sottolinea il rapporto - continua a trovare una sola risposta dall'attivazione dei contratti di solidarietà, con l'effetto che la crisi continua ad essere suddivisa tra i lavoratori, ma non superata. Contratti di solidarietà che rappresentano una risorsa positiva e un freno ai licenziamenti ma anche il limite della situazione occupazionale e produttiva". "Il problema di fondo - conclude il report - resta quello che un'occupazione e una ripresa stabile non si consoliderà fino a quando la gran parte del sistema delle imprese non recupererà competitività nella propria offerta di merci, per innovazione, costi e qualità, mentre la domanda interna dovrà essere sostenuta da una ripresa del valore economico delle retribuzioni e delle pensioni". Red/Rar 201104 feb 16 Red/Rar MAZ

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Salute
Tra una canna e una sigaretta è meglio una canna (lo dice Veronesi)
Roma
Il Papa riceve Virginia Raggi (votata dal 57% di cattolici)
Ue
Buone notizie dalla Ue per le banche italiane (e per i correntisti)
Web
Da David Guetta a McCartney migliaia di artisti contro Youtube che paga poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Dentisti: con troppi antidepressivi rischi per denti e bocca
Motori
Per Audi RS 6 Avant e RS 7 Sportback potenza e sound da pista
Enogastronomia
Osservatorio Vino: da gennaio a marzo 2016 vendite +6%
Made in Italy
Tutti in Vespa, il mega Raduno di 900 vespisti è a Popoli
Turismo
Gianfranco Battisti nuovo presidente Federturismo
Lifestyle e Design
Brividi sul fiume Nera, il rafting con la GoPro
Energia e Ambiente
Infn, in volo sull'Umbria per mappare radioattività del territorio
Start Up
Start Up, a Berlino l'International Investor Day di LVenture Group
Scienza e Innovazione
Asi, Battiston: possibile uno spazioporto in Italia