domenica 31 luglio | 03:27
pubblicato il 20/feb/2016 11:31

Torna a salire la cassa integrazione. Cgil: a gennaio +33,8% su mese

Boom Cigs (+70,4% sul mese precedente e +69,61% su gennaio 2015)

Torna a salire la cassa integrazione. Cgil: a gennaio +33,8% su mese

Milano, 20 feb. (askanews) - Le ore di cassa integrazione guadagni (Cig) nel mese di gennaio sono state 56.933.097, con un aumento del 33,86% rispetto al mese precedente e del 12,84% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. L'aumento è legato, nella quasi totalità, alle ore di Cigs (+70,4% sul mese precedente e +69,61% su gennaio 2015). Il volume delle ore di Cig del mese scorso conferma l'assenza di attività produttiva (zero ore) per potenziali 330mila posizioni lavorative. E' quanto emerge dal rapporto dell'Osservatorio Cig della Cgil, frutto di elaborazioni delle rilevazioni sulla cassa condotte dall'Inps. Nel solo mese di gennaio, ha evidenziato il rapporto, i lavoratori in Cig hanno perso complessivamente circa 218 milioni di euro del reddito al netto delle tasse, mentre ogni singolo lavoratore in cassa integrazione a zero ore ha subito una riduzione del salario al netto delle tasse di oltre 640 euro. Secondo il rapporto le regioni dove la richiesta di ore di Cig è tornata a salire nel mese di gennaio sono: Piemonte, Toscana, Umbria, Lazio e Molise. I settori più in difficoltà e con più ore richieste restano quello meccanico (con un aumento del 98,87%) e i settori del commercio e dell'edilizia, che però registrano una riduzione delle ore rispetto al mese precedente. "Per recuperare la sotto utilizzazione degli impianti e la messa a regime del sistema produttivo - si legge nel rapporto - c'e ancora molto da migliorare. Nella maggioranza delle crisi aziendali restano sempre troppo pochi gli interventi attivi, le crisi aziendali vengono costatate ma nella quasi totalità dei casi non vengono avviati interventi strutturali di miglioramento. La permanenza e la salvaguardia del proprio posto di lavoro, - sottolinea il rapporto - continua a trovare una sola risposta dall'attivazione dei contratti di solidarietà, con l'effetto che la crisi continua ad essere suddivisa tra i lavoratori, ma non superata. Contratti di solidarietà che rappresentano una risorsa positiva e un freno ai licenziamenti ma anche il limite della situazione occupazionale e produttiva". "Il problema di fondo - conclude il report - resta quello che un'occupazione e una ripresa stabile non si consoliderà fino a quando la gran parte del sistema delle imprese non recupererà competitività nella propria offerta di merci, per innovazione, costi e qualità, mentre la domanda interna dovrà essere sostenuta da una ripresa del valore economico delle retribuzioni e delle pensioni". Red/Rar 201104 feb 16 Red/Rar MAZ

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Nella capitale scoppia il caso "monnezzopoli" (Pd-Fi contro Raggi e Muraro)
Milano
Studentessa 24enne muore di meningite. Medici: vaccino anche da adulti
Sicilia
Donna sgozzata nel Catanese: caccia all'ex fidanzato della figlia
Spettacolo
Addio ad Anna Marchesini, ha fatto ridere l'Italia intera
Altre sezioni
Salute e Benessere
Lorenzin: nuovi manager sanità scelti per efficienza, età e titoli
Motori
Audi R8 Spyder V10, al via la prevendita in Italia
Enogastronomia
Minimalismo e creatività in cucina con Luigi Taglienti a Lume
Turismo
Franceschini: Piano Strategico Turismo rilancia Italia nel mondo
Energia e Ambiente
Enel, Starace: ottimisti sui risultati, alziamo target 2016
Sostenibilità
Cooperazione, Braga: sviluppo ambientale cruciale per l'Africa
TechnoFun
Su Facebook arrivano i video di compleanno personalizzati
Scienza e Innovazione
Beast technologies, il fitness tracker per un "fisico bestiale"
Moda
Marta Marzotto, da mondina a dama dei salotti e musa di Guttuso