martedì 27 settembre | 14:05
pubblicato il 20/feb/2016 11:31

Torna a salire la cassa integrazione. Cgil: a gennaio +33,8% su mese

Boom Cigs (+70,4% sul mese precedente e +69,61% su gennaio 2015)

Torna a salire la cassa integrazione. Cgil: a gennaio +33,8% su mese

Milano, 20 feb. (askanews) - Le ore di cassa integrazione guadagni (Cig) nel mese di gennaio sono state 56.933.097, con un aumento del 33,86% rispetto al mese precedente e del 12,84% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. L'aumento è legato, nella quasi totalità, alle ore di Cigs (+70,4% sul mese precedente e +69,61% su gennaio 2015). Il volume delle ore di Cig del mese scorso conferma l'assenza di attività produttiva (zero ore) per potenziali 330mila posizioni lavorative. E' quanto emerge dal rapporto dell'Osservatorio Cig della Cgil, frutto di elaborazioni delle rilevazioni sulla cassa condotte dall'Inps. Nel solo mese di gennaio, ha evidenziato il rapporto, i lavoratori in Cig hanno perso complessivamente circa 218 milioni di euro del reddito al netto delle tasse, mentre ogni singolo lavoratore in cassa integrazione a zero ore ha subito una riduzione del salario al netto delle tasse di oltre 640 euro. Secondo il rapporto le regioni dove la richiesta di ore di Cig è tornata a salire nel mese di gennaio sono: Piemonte, Toscana, Umbria, Lazio e Molise. I settori più in difficoltà e con più ore richieste restano quello meccanico (con un aumento del 98,87%) e i settori del commercio e dell'edilizia, che però registrano una riduzione delle ore rispetto al mese precedente. "Per recuperare la sotto utilizzazione degli impianti e la messa a regime del sistema produttivo - si legge nel rapporto - c'e ancora molto da migliorare. Nella maggioranza delle crisi aziendali restano sempre troppo pochi gli interventi attivi, le crisi aziendali vengono costatate ma nella quasi totalità dei casi non vengono avviati interventi strutturali di miglioramento. La permanenza e la salvaguardia del proprio posto di lavoro, - sottolinea il rapporto - continua a trovare una sola risposta dall'attivazione dei contratti di solidarietà, con l'effetto che la crisi continua ad essere suddivisa tra i lavoratori, ma non superata. Contratti di solidarietà che rappresentano una risorsa positiva e un freno ai licenziamenti ma anche il limite della situazione occupazionale e produttiva". "Il problema di fondo - conclude il report - resta quello che un'occupazione e una ripresa stabile non si consoliderà fino a quando la gran parte del sistema delle imprese non recupererà competitività nella propria offerta di merci, per innovazione, costi e qualità, mentre la domanda interna dovrà essere sostenuta da una ripresa del valore economico delle retribuzioni e delle pensioni". Red/Rar 201104 feb 16 Red/Rar MAZ

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Zagrebelsky spiega perché non gli piace la riforma costituzionale
Riforme
D'Alema dice che è da irresponsabili far votare il 4 dicembre per il referendum
Giappone
Il mistero delle monete romane ritrovate in Giappone
Roma
Arrestato il terzo uomo del pestaggio nella metro B (per una sigaretta)
Altre sezioni
Salute e Benessere
Allarme dentisti: no a diete vegane o crudiste "faidate"
Enogastronomia
Tre bicchieri al Vaio Amaron 2011 Serego Alighieri
Start Up
Giovani talenti digitali in gara per l'ufficio postale del futuro
Motori
La nuova Subaru Levorg my 17 all'insegna della tecnologia
Turismo
Touring Club, per 66% italiani vacanze 2016 nel Belpaese
Moda
O bag torna a sostenere la Fondazione Umberto Veronesi
Sistema Trasporti
Singapore Airlines inaugura la rotta "Capital Express"
Scienza e Innovazione
Nasa, sulla luna di Giove Europa c'è vapore acqueo
Lifestyle e Design
Il vero e il falso, la danza e l'arte: Billy Cowie in Fond. Prada