domenica 04 dicembre | 15:51
pubblicato il 30/nov/2016 16:26

Shannen Doherty: ho cominciato con la radioterapia, che paura

All'attrice è stato diagnosticato un tumore al seno un anno fa

Shannen Doherty: ho cominciato con la radioterapia, che paura

Roma, 30 nov. (askanews) - Continua la lotta di Shannen Doherty, alias "Brenda" del telefilm Beverly Hills 90210, contro un tumore al seno. L'attrice, che ha scoperto la malattia da circa un anno, ha deciso di condividere da tempo, sui social, la sua lotta. Nei giorni scorsi infatti ha pubblicato su Instagram una foto in cui rivela di aver iniziato la radioterapia. "Primo giorno di radioterapia. Ho il volto di chi sta pensando di scappare lontano. La radioterapia mi fa paura. Mi spaventa il laser e questa macchina intorno a me: ho paura. Sono convinta che col tempo mi ci abituerò, ma per ora... la odio", ha scritto commentando la foto in cui appare stanca e provata. Appena pochi giorni prima, c'era stata la reunion del cast di Beverly Hills 90210, durante la quale tutti gli attori del celebre telefilm hanno voluto lanciare compatti un messaggio di solidarietà alla collega. Adx

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Iraq
L'esercito iracheno ha strappato all'Isis quattro villaggi a nord Mosul
Roma
Dimesso dall'ospedale Gemelli lo scienziato Stephen Hawking
Calcio
Chelsea di Conte batte in rimonta 3-1 il City di Guardiola
Salute
Le 10 regole da seguire per dormire meglio la notte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari