venerdì 02 dicembre | 23:46
pubblicato il 17/feb/2016 11:46

Roma la città più tassata d'Italia. Nel Centro-Sud la massima pressione fiscale.

Con Milano scarto di oltre 2 punti, a Trento pressione più bassa

Roma la città più tassata d'Italia. Nel Centro-Sud la massima pressione fiscale. Roma più tartassata

Roma, 17 feb. (askanews) - Tassazione ai massimi livelli al Centro e al Sud d'Italia con Roma in cima alla classifica delle città con la più alta pressione Irap e Irpef. È quanto emerge da una ricerca Confcommercio-Cer su finanza pubblica e tasse locali. Un contribuente con imponibile Irap pari a 50mila euro e un imponibile Irpef pari sempre a 50mila euro può pagare a Roma 19mila euro di tasse contro i 17.931 di Milano o i 16.744 di Trento. In termini di pressione fiscale gli scarti tra Centro-Sud e Nord arrivano a toccare i 4 punti percentuali. Nella classifica della pressione Irap e Irpef la Capitale si colloca ai vertici con il 38%, seguita da Campobasso con il 37,4% e Napoli con il 37,2%. A Milano la stessa pressione si attesta al 35,9% mentre a Trento, ultima in classifica, al 33,5%. Mlp/Ral MAZ

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Russia
"La nuova arma segreta di Putin è un polpo gigante assassino"
Governo
Renzi critica la sindaca di Roma Raggi e quella di Torino Appendino
Persone
I vip tra i 10.000 per i funerali di Polese, il "boss delle cerimonie"
Referendum
"Se vince il no Renzi va al colle per dimettersi" (Delrio)
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari