mercoledì 29 giugno | 02:03
pubblicato il 22/mar/2016 17:22

Perché 2 attentatori di Bruxelles portano un guanto e il terzo no (e tutto quanto si sa sulla strage Isis)

L'analisi dell'immagine

Perché 2 attentatori di Bruxelles portano un guanto e il terzo no (e tutto quanto si sa sulla strage Isis)

Roma, 22 mar. (askanews) - La testata Belga "Derniere Heure" ha pubblicato per prima la foto di 3 sospetti che sembrano in procinto di fare strage a Bruxelles. L'immagine è diventata in breve virale sui social media. Secondo una prima analisi del fotogramma, condotto da esperti ascoltati da askanews, due persone, dai tratti somatici dei Paesi del Golfo Persico, indossano un solo guanto a testa e questo potrebbe nascondere il meccanismo di attivazione della cintura esplosiva. Una terza persona non indossa il guanto, segno che non era previsto che si facesse esplodere. Potrebbe quindi essere un responsabile che doveva assicurarsi che gli altri due portassero a termine la loro missione di morte. L'uomo risulta, secondo alcune fonti, ricercato. Ci sarebbero anche altre persone ricercate e le forze di sicurezza hanno effettuato alcuni fermi.

Almeno 34 persone sono rimaste uccise negli attentati di oggi a Bruxelles: 20 persone sono morte nell'esplosione alla stazione della metropolitana di Maelbeek e 14 all'aeroporto di Zaventem. I feriti sono oltre cento. In precedenza le autorità avevano parlato di 26 morti. Gli attentati sono stati rivendicati dallo Stato Islamico (Isis). Siti jihadisti, tra le altre cose, affermano che gli attacchi rappresentano una vendetta per la cattura, quattro giorni fa, di Salah Abdeslam, il kamikaze mancato e la presunta mente delle stragi di novembre a Parigi. La polizia belga ha avviato frattanto delle perquisizioni nella regione di Bruxelles, alla ricerca di "persone sospettate di complicità negli attacchi". Evacuate anche la centrale nucleare di Tihange, nella provincia di Liegi, e la Libera università di Bruxelles (Ulb), frequentata da circa 20.000 studenti.

E' stato sgomberato anche il Palazzo reale nella capitale belga. La Rtbf ha riferito che il re e la regina si sono detti sconvolti per gli attentati e hanno espresso il cordoglio per le vittime, le condoglianze ai familiari e i ringraziamenti ai servizi i soccorso. Intanto si è saputo che una delle esplosioni all'aeroporto di Bruxelles potrebbe essere stata provocata da una bomba in una valigia, secondo quanto dichiarato da un funzionario statunitense, che ha parlato con gli investigatori belgi, alla Cnn. Mentre la società dei trasporti di Bruxelles (STIB), che gestisce la linea del metrò della capitale belga, ha specificato che l'esplosione è avvenuta subito dopo la ripartenza del convoglio in direzione Arts-Loi. La bomba è esplosa nella seconda vettura che era ancora all'altezza del marciapiede della stazione. Il conducente ha immediatamente fermato il convoglio e consentito la discesa dalle altre vetture. Tutte le stazioni della metro sono chiuse, riaprono intorno alle 16.

La Tour du Midi di Bruxelles, il più alto grattacielo del Belgio, è stata evacuata dopo la scoperta di due pacchi sospetti in un parcheggio sotterraneo. Sul luogo si sono recati gli sminatori. Presso il grattacielo, alto 171 metri, ha sede l'Ufficio nazionale delle pensioni belga. Un allarme bomba è stato inoltre lanciato nell'ospedale Saint-Pierre di Bruxelles, uno dei 15 ospedali dove sono stati ricoverati i feriti degli attentati di questa mattina. Il governo belga "teme che che vi siano ancora delle persone alla macchia" dopo gli attentati, ha detto il ministro degli Esteri belga.

Il giornale belga "De Standaard" scrive, citando fonti vicine all'inchiesta, che gli attentatori di Bruxelles avrebbero utilizzato lo stesso esplosivo degli attentati di Parigi del 13 novembre. Si tratta del Tatp, un mix chimico di facile composizione, cui spesso fanno ricorso gli attentatori dell'Isis. 

Una terza "bomba non è esplosa" all'aeroporto internazionale di Bruxelles ed è stata fatta brillare dalle forze di sicurezza e dagli artificieri. "Tre bombe sono state portate nell'edificio, una delle quali non è esplosa", ha detto Lodewijk De Witte, governatore della provincia Brabante Fiammingo. 

Le bombe utilizzate per compiere l'attacco terrorista all'aeroporto di Zaventem a Bruxelles contenevano dei chiodi: lo ha dichiarato a VTM l'amministratore delegato dell'ospedale universitario Gasthuisberg di Lovanio, Marc Decramer.  La maggior parte delle vittime trasportate in quest'ospedal presentavano fratture, ustioni e ferite profonde causate daoggetti metallici. 

Secondo la televisione belga in lingua fiamminga VRT la polizia sta cercando attivamente due sospetti. Uno è quello vestito di bianco, ripreso dalle telecamere di sorveglianza dell'aeroporto di Zaventem subito prima delle esplosioni, la cui immagine è stata diffusa dalla procura federale. L'altro ricercato, invece, è fuggito dalla zona di Maelbeek, dove si è stato compiuto l'attentato nella metropolitana. La polizia di Bruxelles ha anche arrestato due sospetti davanti alla Gare du Nord, una stazione ferroviaria non lontano dalla stazione della metropolitana di Maelbeek, Cls- int4


 

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Fischi e urla all'europarlamento (e la profezia di Farage)
Il vademecum
Viaggiare nel dopo Brexit, ecco cosa cambia (e cosa no)
Brexit
Elisabetta II parla dopo il voto: "Sono ancora viva"
Campidoglio
La "cura Raggi" per le partecipate: vuole report quotidiani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robotica, con progetto DeTOP protesi arti superiori più sensibili
Motori
Alfa Romeo, consegnate in Italia le prime sei Giulia
Enogastronomia
IMT, al via campagna "Red marine Wine" sul rosso Conero
Made in Italy
Tutti in Vespa, il mega Raduno di 900 vespisti è a Popoli
Turismo
Alpitour e Viva puntano su Bahamas, italiani in volo ai Caraibi
Lifestyle e Design
Brividi sul fiume Nera, il rafting con la GoPro
Energia e Ambiente
Infn, in volo sull'Umbria per mappare radioattività del territorio
Start Up
Startup, accordo tra Invitalia, Federmanager e Manageritalia

Roma, 28 giu. (askanews) - Diffondere la cultura imprenditoriale. Questo è l'obiettivo del protocollo d'intesa firmato a Roma da Domenico Arcuri, amministratore delegato di...

Scienza e Innovazione
Spazio, con Closeye tecnologia italiana controllo Mediterraneo