lunedì 05 dicembre | 09:53
pubblicato il 19/ott/2016 10:34

Pechino annuncia: Pil al 6,7% come da obiettivo ufficiale

Analisti allarmati da potenziale bolla credito e immobiliare

Pechino annuncia: Pil al 6,7% come da obiettivo ufficiale

Roma, 19 ott. (askanews) - Tutto sommato è andata meglio del previsto in Cina, sulla crescita economica del terzo trimestre. Un più 6,7 per cento su base annua, secondo i dati riferiti dall'ufficio nazionale di statistica, che ha lievemente oltrepassato le attese medie degli analisti 86,6%). In questo modo il Dragone appare in carreggiata per centrare l'obiettivo ufficiale per l'intero anno, fissato tra il 6,5 e il 7 per cento. Tuttavia ci sono due aspetti su cui gli analisti si interrogano. Il primo è che la tenuta della crescita è stata "pagata" elargendo di fatto altri stimoli all'economia, in particolare spingendo sul credito in un contesto dove destano non poche preoccupazioni gli andamenti dei prezzi, specialmente sugli immobili. L'altro interrogativo è sui dati stessi, da anni si sollevano dubbi sulla veridicità delle statistiche cinesi e certo non aiuta molto dipanarli il fatto che la crescita del Pil sia risultata con precisione "millimetrica" nell'intervallo previsto dall'obiettivo ufficiale. A spingere al rialzo, il contributo del settore immobiliare, dove tuttavia i prezzi al metro quadrato in certi casi risultano aumentati del 40 per cento. "Una bolla - accusa Michel Every di Rabobank - assieme a un folle aumento dell'indebitamento". Questo ha comunque controbilanciato la frenata della crescita nell'industria, dove si è registrato un più 6,1 per cento in termini di prodotto. Pesa la debolezza della domanda, che ha causato un calo delle esportazioni del 10 per ceno. E resta del tutto irrisolto il problema delle sovracapacità produttive cinesi, in particolare sull'acciaio, segmento in cui la Cina ha in corso un braccio di ferro co l'Europa. Tengono, infine, anche i consumi, con un più 10,7 per cento ma anche in questo caso con il consistente contributo del credito bancario. Secondo Claire Huang, di Société Générale, è inevitabile che prima o poi le autorità debbano serrare i freni e questo si farà sentire sui dati del finale di 2017. Pechino ha solo comprato della ripresa a tempo pagandola a credito. (fonte Afp) Voz Voz MAZ

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Referendum
Come Beppe Grillo ha commentato la vittoria del "no"
Pd
Cosa vuole fare Massimo D'Alema dopo le dimissioni di Renzi
Referendum
Cosa hanno detto Di Battista e Di Maio dopo la vittoria del "no"
Riforme
Renzi perde il referendum costituzionale e annuncia le dimissioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari