lunedì 27 giugno | 09:38
pubblicato il 23/gen/2016 14:48

Nuovo crollo a Pompei, cede la porzione di una colonna

Sospesa temporaneamente la visita alla casa di Romolo e Remo

Nuovo crollo a Pompei, cede la porzione di una colonna

Napoli, 23 gen. (askanews) - Ancora un crollo negli scavi archeologici di Pompei. A cedere una porzione di pietra lavica di parte di una colonna pertinente al portichetto d'ingresso di una casa immediatamente oltre Porta Marina. A darne notizia la Sovrintendenza. Il cedimento ha comportato la chiusura temporanea dell'ingresso di Porta Marina. L'accesso al sito archeologico è garantito in piazza Esedra, in via precauzionale, per consentire il proseguo delle operazioni di messa in sicurezza dell'area e verificare la stabilità della colonna. Resta consentito l'accesso alle terme suburbane mentre è sospesa temporaneamente la visita alla casa di Romolo e Remo. Il distacco di una parte della colonna alta circa 3 metri ha interessato una porzione della base. Del crollo ci si è accorti questa mattina poco prima dell'apertura dell'area archeologica. Psc/Ral/Plg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Dice Di Maio che sulla giunta di Virginia Raggi c'è un problema di gossip
'Ndrangheta
Preso in Calabria il boss Fazzalari (e la storia della testa mozzata al rivale)
Brexit
La Scozia può bloccare la Brexit
Incidente
Frontale a Taranto, 6 morti: ragazzi che andavano al mare e operaio Ilva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Farmaci, Molmed riceve ok condizionato CHMP per commercio Zalmoxis
Motori
Mazda, esordio europeo per la Mx-5 Retractable Fastback
Enogastronomia
Allegrini, il mercato mondiale non si ferma con la Brexit
Turismo
Parigi inaugura il primo hotel galleggiante sulla Senna
Lifestyle e Design
Biennale di architettura, visioni per la città postindustriale
Energia e Ambiente
Rinnovabili, Calenda firma DM su incentivi non fotovoltaico
Moda
Milano Moda, Pal Zileri punta sulla pelle stampata
Scienza e Innovazione
Tutte le novità di YouTube, nuove funzioni per chi crea i video
TechnoFun
Cyber security, le richieste delle compagnie tech al governo Usa