domenica 04 dicembre | 19:17
pubblicato il 23/gen/2016 14:48

Nuovo crollo a Pompei, cede la porzione di una colonna

Sospesa temporaneamente la visita alla casa di Romolo e Remo

Nuovo crollo a Pompei, cede la porzione di una colonna

Napoli, 23 gen. (askanews) - Ancora un crollo negli scavi archeologici di Pompei. A cedere una porzione di pietra lavica di parte di una colonna pertinente al portichetto d'ingresso di una casa immediatamente oltre Porta Marina. A darne notizia la Sovrintendenza. Il cedimento ha comportato la chiusura temporanea dell'ingresso di Porta Marina. L'accesso al sito archeologico è garantito in piazza Esedra, in via precauzionale, per consentire il proseguo delle operazioni di messa in sicurezza dell'area e verificare la stabilità della colonna. Resta consentito l'accesso alle terme suburbane mentre è sospesa temporaneamente la visita alla casa di Romolo e Remo. Il distacco di una parte della colonna alta circa 3 metri ha interessato una porzione della base. Del crollo ci si è accorti questa mattina poco prima dell'apertura dell'area archeologica. Psc/Ral/Plg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, si vota fino alle 23. L'affluenze alle urne è alta
Austria
In Austria vince il verde Van der Bellen, è il nuovo presidente
Riforme
Referedum costituzionale, 47 milioni di italiani chiamati alle urne
Germania
*Germania, studentessa violentata e uccisa, arrestato un afgano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari