venerdì 01 luglio | 04:39
pubblicato il 08/mar/2016 07:38

Michael Bloomberg dice che non correrà per la Casa Bianca

L'ex sindaco di New York teme che sua la discesa in campo favorisca Trump o Cruz

Michael Bloomberg dice che non correrà per la Casa Bianca

New York, 8 mar. (askanews) - E' ufficiale. L'ex sindaco di New York Michael Bloomberg non scenderà in campo per le elezioni presidenziali del 2016. E non fa apertamentente alcun endorsement. Lo ha annunciato lui stesso in un blog pubblicato ieri su Bloomberg View e intitolato "Il rischio che non prenderò". Il miliardario a capo del colosso dei media che prende il suo nome afferma di temere che una sua eventuale candidatura da indipendente possa indirettamente favorire l'ascesa del repubblicano Donald Trump o il suo rivale Ted Cruz. Secondo Bloomberg, Trump ha avviato "la campagna elettorale più divisiva e demagogica che io ricordi, facendo appello ai pregiudizi e alle paure della gente". Si dice allarmato dalla sua proposta di bloccare temporaneamente l'ingresso negli Stati Uniti dei musulmani e dalla sua volontà di attuare una guerra commerciale contro Giappone e Cina, non risparmiandogli poi critiche per la reticenza espressa nel condannare chiaramente il leader del Ku Klux Klan, David Duke. "Queste posizioni ci dividerebbero in casa e comprometterebbero la nostra leadership morale nel mondo", ha chiosato duramente Bloomberg. La notizia che il tre volte sindaco newyorchese potesse correre per la Casa Bianca creando una sfida ipoteticamente a tre (tra lui, Trump e Hillary Clinton, attualmente la front-runner democratica) era iniziata a circolare nel mese di gennaio. Non a caso una macchina plurimiliardaria era stata attivata: strategist e personale vario era stato arruolato e sondaggi in 22 Stati erano stati condotti per sondare il terreno. Stando al New York Times, persino un sito era stato messo in piedi, spot pubblicitari erano stati prodotti e due uffici erano stati aperti in due Stati - Texas e North Carolina - con l'intenzione di iniziare a raccogliere a giorni petizioni per una sua candidatura. Pare che Bloomberg avesse persino individuato il suo compagno di corsa, l'ex presidente del Joint Chiefs of Staff, Michael G. Mullen. L'ipotesi di una discesa in campo del magnate newyorchese dei media aveva suscitato le reazioni più disparate. Trump brindò a una eventuale candidatura del concittadino mentre Bernie Sanders la criticò come espressione di oligarchia plutocratica. A spingere Bloomberg a rinunciare al sogno di arrivare allo Studio Ovale sono stati alcuni sondaggi. D'altra parte due quinti degli Usa non hanno familiarità con lui, meglio conosciuto a livello nazionale per essere a favore di una legislazione più stringente sulle armi da fuoco. "Ritengo che avrei potuto vincere in un certo numero di Stati", ha scritto, "ma non abbastanza per ottenere i 270 voti del Collegio elettorale necessari per conquistare la presidenza". Anche se le aspirazioni da presidente finiscono nuovamente in soffitta (già nel 2008 aveva accarezzato l'idea di una candidatura), Bloomberg si è impegnato a "non restare in silenzio in merito alla minaccia che l'estremismo partigiano pone alla nostra nazione". Dicendosi "non pronto" a esprimersi a favore di nessun candidato, l'ex primo cittadino di New York promette che "continuerà a premere gli elettori affinché non accettino incitamenti divisivi e a chiedere che i candidati offrano idee realistice, intelligenti e specifiche per arginare le differenze, risolvere i problemi e darci un governo onesto e capace come ci meritiamo". Bloomberg ha chiuso il suo messaggio spiegando che "per molti americani, la cittadinanza richiede poco più del pagamento delle tasse. Ma molti hanno dato la loro vita per difendere la nostra nazione e tutti noi abbiamo l'obbligo da elettori di farci sentire per conto delle idee e dei principi che, come Lincoln disse, rappresentano 'l'ultima speranza migliore sulla Terra'. Spero e prego che io stia facendo proprio questo". A24/Spa/Int9

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Salute
Tra una canna e una sigaretta è meglio una canna (lo dice Veronesi)
Roma
Il Papa riceve Virginia Raggi (votata dal 57% di cattolici)
Ue
Buone notizie dalla Ue per le banche italiane (e per i correntisti)
Web
Da David Guetta a McCartney migliaia di artisti contro Youtube che paga poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Dentisti: con troppi antidepressivi rischi per denti e bocca
Motori
Per Audi RS 6 Avant e RS 7 Sportback potenza e sound da pista
Enogastronomia
Osservatorio Vino: da gennaio a marzo 2016 vendite +6%
Made in Italy
Tutti in Vespa, il mega Raduno di 900 vespisti è a Popoli
Turismo
Gianfranco Battisti nuovo presidente Federturismo
Lifestyle e Design
Brividi sul fiume Nera, il rafting con la GoPro
Energia e Ambiente
Infn, in volo sull'Umbria per mappare radioattività del territorio
Start Up
Start Up, a Berlino l'International Investor Day di LVenture Group
Scienza e Innovazione
Asi, Battiston: possibile uno spazioporto in Italia