martedì 26 luglio | 23:38
pubblicato il 26/gen/2016 09:09

Martedì nero per le borse d'Asia. Crolla Shanghai, male Tokyo

Il petrolio torna sotto i 30 dollari al barile

Martedì nero per le borse d'Asia. Crolla Shanghai, male Tokyo

oma, 26 gen. (askanews) - Martedì nero per la Borsa di Shanghai. L'indice principale al termine degli scambi accusa un tonfo del 6,42% scivolando a 2.749 punti. Si tratta del livello più basso da 11 mesi, mentre rispetto ai massimi del giugno scorso la principale borsa cinese lascia sul terreno oltre il 40%. Vendite generalizzate ma sul comparto industriale e petrolifero i maggiori ribassi con Petrochina e China Petroleum che accusano flessioni superiori al 6% mentre China Railway lascia sul terreno il 7,20%. Giornata negativa anche alla Borsa di Tokyo. L'azionario giapponese al termine degli scambi miostra un calo del 2,35% per l'indice Nikkei che scivola a 16.708 punti. A condizionare gli scambi le preoccupazioni sulla frenata dell'economia e il prezzo del petrolio che torna a scendere sotto i 30 dollari al barile. int4

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Ostaggi presi in una chiesa in Normandia. "Sgozzato" il prete
Usa 2016
Michelle commossa: io e le mie figlie in una casa costruita da schiavi
Normandia
Francia, sgozzato un prete in chiesa. Gli assalitori gridano Daesh
Statali
Madia: Basta premi nella Pubblica amministrazione a tutti ma a chi fa bene
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sanità, innovazione tecnologica decisiva per sviluppo sistema
Motori
Auto, agli italiani non piace la decappottabile
Enogastronomia
Lo chef Usa che propone un menu tutto a base di cannabis
Turismo
Globe shopper preferiscono Sardegna, vendite tax free + 42%
Energia e Ambiente
Rinnovabili, Enerray si aggiudica bando Enel Gp in Brasile
Sostenibilità
Enel riconfermata nell'indice Ftse4Good
TechnoFun
Novità su Instagram: ora suggerisce anche i video
Scienza e Innovazione
L'aereo solare Solar Impuse 2 ha terminato il giro del mondo
Sistema Trasporti
Renzi: il 22/12 Salerno-Reggio pronta, non si ride più di Italia