martedì 21 febbraio | 22:59
pubblicato il 18/ott/2016 11:23

Mario Monti dice che voterà "no" al referendum costituzionale

Se Renzi perde no dimissioni ma se lo fa nessun sconvolgimento

Mario Monti dice che voterà "no" al referendum costituzionale

Roma, 18 ott. (askanews) - L'ex premier Mario Monti voterà No al referendum sulle riforme. Lo afferma in una intervista al Corriere della Sera spiegando che "il vero costo della politica non è quello dei senatori. E' nel combinato disposto fra la Costituzione, attuale o futura, e metodo di governo con il quale si è lubrificata da tre anni l'opinione pubblica con bonus fiscali, elargizioni mirate o altra spesa pubblica perché accettasse questo. Ho riflettuto a lungo in proposito, e ho concluso che votare Sì al referendum significherebbe votare Sì al tenere gli italiani dipendenti da questo tipo di provvidenza dello Stato. Sarebbe un Sì a non mantenere con loro un rapporto da cittadini adulti o maturi nei confronti dello Stato". Monti ha chiarito che "di questa riforma mi hanno sempre convinto la modifica del rapporto fra Stato e Regioni, l'abolizione del Cnel e la fine del bicameralismo perfetto. Non mi convince un Senato così ambiguamente snaturato, nella composizione e nelle funzioni. Meglio sarebbe stato abolirlo". In ogni caso, ha aggiunto, "a me risulta impossibile dare il mio voto a una Costituzione che contiene alcune cose positive e altre negative, ma che - per essere varata - sembra avere richiesto una ripresa in grande stile di quel metodo di governo che a mio giudizio è il vero responsabile dei mali più gravi dell'Italia: evasione fiscale, corruzione, altissimo debito pubblico". Per il senatore a vita "non avrebbe senso darsi una Costituzione nuova se essa deve segnare il trionfo di tecniche di generazione del consenso che più vecchie non si può". Monti ha assicurato che "se vincesse il No non sparirebbero gli investitori esteri. Se vincesse il Sì non sparirebbe ogni democrazia. E la Ue può stare tranquilla: l'Italia non rischia di cadere e di travolgere l'euro". Inoltre, "non vedo ragioni per cui Matteo Renzi dovrebbe lasciare in caso di una vittoria del No. Se tuttavia dovesse lasciare, non vedo particolari sconvolgimenti. Toccherà al capo dello Stato decidere, ma sarebbe facilmente immaginabile una sostanziale continuazione dell'assetto di governo attuale con un altro premier parte della maggioranza". Sulla legge elettorale, infine, Monti ha detto di "sentire che ad alcuni ormai sembra improponibile qualunque sistema in cui non si conosce il vincitore la sera stessa. Eppure in Germania a volte bisogna aspettare mesi, ma poi si arriva a un programma chiaro e tale da limitare patti fra arcangeli o nazareni". Fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Avetrana
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
La scissione
Mentre si decidono le regole del congresso Pd Renzi vola negli Usa
Australia
Melbourne, aereo si schianta su centro commerciale: 5 morti
M.O.
Beirut, Marine Le Pen rifiuta il velo e annulla incontro con il gran muftì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia