mercoledì 18 gennaio | 16:03
pubblicato il 13/gen/2017 19:30

Lega Nord partito razzista? Il gip: dirlo non è diffamazione

Archiviata indagine su ex ministro Kyenge: è critica politica

Lega Nord partito razzista? Il gip: dirlo non è diffamazione

Milano, 13 gen. (askanews) - Dire che "la Lega Nord è un partito razzista" non è diffamazione, ma un'espressione che rientra "pienamente nell'esercizio del diritto di critica politica". E' per questo che il gip di Milano, Maria Vicidomini, ha archiviato l'indagine avviata nei confronti dell'ex Ministro Cecile Kyenge, accusata di diffamazione nei confronti del Carroccio. Fu lo stesso segretario federale Matteo Salvini a querelare l'ex ministro del governo Letta per il contenuto di due articoli del marzo 2015. Ma come precisa il gip Vicidomini nell'ordinanza di archiviazione, nel primo articolo, pubblicato sul quotidiano on line Affari Italiani, "la Kyenge si limitò a rimarcare la necessità di sanzioni per i partiti o gruppi politici che si facessero portavoce di discorsi a contenuto razzista, chiarendo espressamente che intendeva riferirsi non solo alla Lega Nord ma a tutti i partiti: si trattava, dunque - sottolinea il giudice milanese - di affermazioni che nel loro complesso inerivano alla problematica dello stato di attuazione della legge-Mancino". E' nel secondo articolo che l'ex ministro del governo Letta stigmatizzò il Carroccio come "partito razzista". Un'affermazione, chiarisce il gip di Milano, "spiegata dalla stessa Kyenge per l'assenza di sanzioni del partito verso i suoi esponenti che facevano dichiarazioni razziste, difendendoli anzi nelle aule giudiziarie". L'ex ministro dell'integrazione era stata attaccata con frasi razziste da alcuni dirigenti della Lega Nord, come l'ex vicepresidente del Senato Roberto Calderoli o l'europarlamentare Mario Borghezio. E' per questo, sottolinea ancora il gip Vicidomini, che "ha attivato plurime iniziative, facendosi portavoce di una battaglia politica per l'affermazione dei principi di non discriminazione razziale anche in ambito istituzionale". I due articoli che hanno spinto Salvini a querelarla, conclude il giudice milanese, vanno dunque "isolatamente e complessivamente considerati" e "rientravano pienamente nell'esercizio del diritto di critica politica" soprattutto perchè "le affermazioni della Kyenge (...) inerivano ad un più complesso discorso (...) relativo alla necessità di monitorare le modalità di attuazione della legge Mancino". red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Trump
Le Femen contro la statua di Trump (al Museo delle Cere di Madrid)
Terremoti
Sisma, Cnr: un contagio a cascata tra le faglie adiacenti
Usa
Obama libera Chelsea Manning. Assange: bene, ora basta guerra delle spie
Terremoti
Terza scossa di terremoto a Roma poco prima delle 11.30
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Milano Moda, l'uomo disinvolto e sicuro di Armani
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina