sabato 21 gennaio | 02:04
pubblicato il 14/gen/2017 14:26

Le unioni civili da oggi sono legge

Terminato l'iter

Le unioni civili da oggi sono legge

Roma, 14 gen. (askanews) - "Con i decreti legislativi di oggi terminiamo l'iter delle unioni civili. Era una promessa, ora è una legge". Lo ha scritto, in un tweet, la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, confermando l'approvazione in Consiglio dei ministri di decreti attuativi della legge sulle unioni civili. Consiglio presieduto dal premier Gentiloni che è stato dimesso dall'ospedale. I provvedimenti approvati in Cdm, secondo l'ordine del giorno della riunione diffuso da Chigi, contengono "disposizioni per l'adeguamento delle norme dell'ordinamento dello stato civile in materia di iscrizioni, trascrizioni e annotazioni alle previsioni della legge sulla regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso, nonche disposizioni recanti modifiche ed integrazioni normative per il necessario coordinamento sulla regolamentazione delle unioni civili delle disposizioni contenute nelle leggi, negli atti aventi forza di legge, nei regolamenti e nei decreti; disposizioni di modifica e riordino delle norme di diritto internazionale privato in materia di unioni civili tra persone dello stesso sesso e adozione di disposizioni di necessario coordinamento; disposizioni di coordinamento in materia penale".

"Con l'approvazione dei decreti attuativi sulle unioni civili si completa il percorso normativo e ordinamentale della legge. Vengono così chiariti tutti i punti critici che sono emersi in fase di attuazione fissando principi e pratiche inderogabili, rispondendo, tra l'altro, pienamente alla disciplina prevista dalla legge Ue in base alla sentenza della Corte dei diritti dell'uomo del 21 luglio 2015". Lo dichiara la senatrice del Pd Monica Cirinnà. "I decreti chiariscono infatti - spiega - che, come per il matrimonio, anche l'unione civile può essere celebrata in pericolo di vita in nave o in aereo. Si afferma poi che il matrimonio contratto all'estero da persone dello stesso sesso produce in Italia gli effetti dell'unione civile. E che questo questo vale solo per i cittadini italiani mentre per lo straniero continua a valere la legge del suo Stato, in ossequio ai principi del diritto internazionale privato". "Inoltre - aggiunge Cirinnà - viene chiarito un punto sul quale si sono verificate criticità con comportamenti difformi da parte dei sindaci e cioè che sarà sufficiente il certificato di stato libero, al posto del nulla osta del Paese di origine, per quegli stranieri provenienti da Stati nei quali l'orientamento sessuale sia causa di discriminazione e nei quali l'omosessualità sia penalmente sanzionata". Arc/Int2

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Usa
Melania Trump veste Ralph Lauren (come Hillary Clinton in campagna)
Il miracolo
Come sono sopravvissuti 42 ore sotto la neve i superstiti di Rigopiano
Persone
George Michael prima di morire aveva registrato una canzone
La slavina
Il miracolo all'hotel Rigopiano (aggiornamento)
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4