domenica 04 dicembre | 15:28
pubblicato il 18/ott/2016 09:38

La Russia annuncia uno stop ai raid su Aleppo da oggi

Shoigu: "Per preparare pausa umanitaria e fuoriuscita dei combattenti"

La Russia annuncia uno stop ai raid su Aleppo da oggi

Roma, 18 ott. (askanews) - Il ministro della Difesa russa, Sergey Shoigu, ha annunciato oggi una sospensione dei raid aerei siriani e russi ad Aleppo a partire dalle 9 di questa mattina, ora italiana. "Oggi alle 10 (di Mosca, ndr) vengono interrotti i bombardamenti dell'aviazione russa e delle forze aeree siriane nella regione di Aleppo. L'interruzione anticipata dei raid è necessaria per introdurre la pausa umanitaria il 20 ottobre. Questo permetterà di garantire l'uscita in sicurezza attraverso sei corridoi della popolazione civile e di preparare l'evacuazione dei malati e dei feriti dalla parte orientale di Aleppo", ha detto Shoigu citato dalla Ria Novosti. Il ministro russo ha aggiunto che l'esercito siriano, all'inizio della pausa umanitaria, si allontanerà in modo da "permettere ai combattenti di lasciare senza ostacoli Aleppo Est, con le loro armi, lungo due speciali corridoi". Coa/Int9

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Iraq
L'esercito iracheno ha strappato all'Isis quattro villaggi a nord Mosul
Roma
Dimesso dall'ospedale Gemelli lo scienziato Stephen Hawking
Calcio
Chelsea di Conte batte in rimonta 3-1 il City di Guardiola
Salute
Le 10 regole da seguire per dormire meglio la notte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari