mercoledì 29 giugno | 03:55
pubblicato il 04/feb/2016 09:08

La ministra Pinotti dice che l'intervento in Libia non è imminente

Ma intanto i capi dell'Isis si stanno trasferendo nel Paese nordafricano

La ministra Pinotti dice che l'intervento in Libia non è imminente

Roma, 4 feb. (askanews) - La ministra della Difesa Roberta Pinotti dice che l'intervento in Libia non è imminente, ma intanto, secondo quanto ha riferito alla Bbc un alto responsabile dei servizi segreti libici, i capi dell'Isis si starebbero trasferendo dalla Siria e dall'Iraq in Libia. "L'intervento dell'Italia in Libia non è imminente" perché gli alleati della coalizione anti Isis seguono la road map stabilita che prevede il sostegno internazionale "al processo politico" e la formazione di un governo di unità nazionale, ha spiegato la ministra a "TG5-La Telefonata", condotto da Maurizio Belpietro, su Canale 5. "Assistiamo a un'accelerazione giornalistica sulla Libia - ha sottolineato Pinotti a proposito delle notizie sull'intervento miltare italiano - il lavoro che si sta facendo con gli alleati va avanti da mesi e ci sono contatti tra gli stati maggiori e l'intelligence. Auspichiamo che la prossima settimana ci sia un governo, perché è fondamentale un'interlocuzione con i libici per sapere di cosa hanno bisogno". Intanto, Ismail Shukri, capo dell'intelligence libica a Misurata, parlando al programma BBC Newsnight, ha sottolineato che un numero sempre più alto di combattenti stranieri è arrivato negli ultimi tempi a Sirte, città natale dell'ex leader libico Gheddafi attualmente sotto controllo degli islamisti. L'Isis, secondo la fonte, avrebbe trovato qui il sostegno di gruppi legati al vecchio regime. "La maggior parte dei combattenti Isis a Sirte sono stranieri, circa il 70% . In gran parte si tratta di tunisini, quindi ci sono egiziani, sudanesi, pochi algerini. E a questi dobbiamo aggiungere gli iracheni e i siriani. Per gli iracheni si tratta di figure che facevano parte dell'esercito di Saddam". Ma il dato più significatico, secondo Shukri, è l'esodo in Libia degli alti comandi dello stato islamico. "Molti dei loro esponenti, in particolare quelli più importanti, si stanno rifugiando qui da noi. Per loro la Libia è un rifugio sicuro". Int9

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Fischi e urla all'europarlamento (e la profezia di Farage)
Il vademecum
Viaggiare nel dopo Brexit, ecco cosa cambia (e cosa no)
Brexit
Elisabetta II parla dopo il voto: "Sono ancora viva"
Campidoglio
La "cura Raggi" per le partecipate: vuole report quotidiani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robotica, con progetto DeTOP protesi arti superiori più sensibili
Motori
Alfa Romeo, consegnate in Italia le prime sei Giulia
Enogastronomia
IMT, al via campagna "Red marine Wine" sul rosso Conero
Made in Italy
Tutti in Vespa, il mega Raduno di 900 vespisti è a Popoli
Turismo
Alpitour e Viva puntano su Bahamas, italiani in volo ai Caraibi
Lifestyle e Design
Brividi sul fiume Nera, il rafting con la GoPro
Energia e Ambiente
Infn, in volo sull'Umbria per mappare radioattività del territorio
Start Up
Startup, accordo tra Invitalia, Federmanager e Manageritalia

Roma, 28 giu. (askanews) - Diffondere la cultura imprenditoriale. Questo è l'obiettivo del protocollo d'intesa firmato a Roma da Domenico Arcuri, amministratore delegato di...

Scienza e Innovazione
Spazio, con Closeye tecnologia italiana controllo Mediterraneo