mercoledì 28 settembre | 10:30
pubblicato il 04/feb/2016 09:08

La ministra Pinotti dice che l'intervento in Libia non è imminente

Ma intanto i capi dell'Isis si stanno trasferendo nel Paese nordafricano

La ministra Pinotti dice che l'intervento in Libia non è imminente

Roma, 4 feb. (askanews) - La ministra della Difesa Roberta Pinotti dice che l'intervento in Libia non è imminente, ma intanto, secondo quanto ha riferito alla Bbc un alto responsabile dei servizi segreti libici, i capi dell'Isis si starebbero trasferendo dalla Siria e dall'Iraq in Libia. "L'intervento dell'Italia in Libia non è imminente" perché gli alleati della coalizione anti Isis seguono la road map stabilita che prevede il sostegno internazionale "al processo politico" e la formazione di un governo di unità nazionale, ha spiegato la ministra a "TG5-La Telefonata", condotto da Maurizio Belpietro, su Canale 5. "Assistiamo a un'accelerazione giornalistica sulla Libia - ha sottolineato Pinotti a proposito delle notizie sull'intervento miltare italiano - il lavoro che si sta facendo con gli alleati va avanti da mesi e ci sono contatti tra gli stati maggiori e l'intelligence. Auspichiamo che la prossima settimana ci sia un governo, perché è fondamentale un'interlocuzione con i libici per sapere di cosa hanno bisogno". Intanto, Ismail Shukri, capo dell'intelligence libica a Misurata, parlando al programma BBC Newsnight, ha sottolineato che un numero sempre più alto di combattenti stranieri è arrivato negli ultimi tempi a Sirte, città natale dell'ex leader libico Gheddafi attualmente sotto controllo degli islamisti. L'Isis, secondo la fonte, avrebbe trovato qui il sostegno di gruppi legati al vecchio regime. "La maggior parte dei combattenti Isis a Sirte sono stranieri, circa il 70% . In gran parte si tratta di tunisini, quindi ci sono egiziani, sudanesi, pochi algerini. E a questi dobbiamo aggiungere gli iracheni e i siriani. Per gli iracheni si tratta di figure che facevano parte dell'esercito di Saddam". Ma il dato più significatico, secondo Shukri, è l'esodo in Libia degli alti comandi dello stato islamico. "Molti dei loro esponenti, in particolare quelli più importanti, si stanno rifugiando qui da noi. Per loro la Libia è un rifugio sicuro". Int9

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Grandi opere
Renzi: pronti per il Ponte sullo Stretto. Il sindaco di Messina: una follia
Governo
Riforma pensioni, che cosa è l'Ape e "l'Ape social"
M5s
Carla Ruocco (l'anti Virginia Raggi) e i suoi fratelli (che non la vogliono più)
Milano
Fabrizio Corona non torna in carcere e va in affidamento (per altri 5 anni)
Altre sezioni
Salute e Benessere
Parte dal Gemelli Camion del Cuore, ambulatorio mobile cardiologia
Enogastronomia
Vino, Masi Agricola acquisisce il 60% di Canevel (Prosecco)
Start Up
Giovani talenti digitali in gara per l'ufficio postale del futuro
Motori
Cresce l'interesse per le vetture ibride: +41% vendite per l'usato
Turismo
Touring Club, per 66% italiani vacanze 2016 nel Belpaese
Moda
O bag torna a sostenere la Fondazione Umberto Veronesi
Sistema Trasporti
Singapore Airlines inaugura la rotta "Capital Express"
Scienza e Innovazione
Spazio, la visione di Elon Musk: in 10 anni l'uomo sarà su Marte
Lifestyle e Design
Editoria, Roberto Ippolito svela tutti gli "Eurosprechi"