lunedì 20 febbraio | 06:03
pubblicato il 16/feb/2017 07:31

Il cambio di linea di Trump sulla pace in Medio Oriente

Europa e mondo arabo vogliono la soluzione dei due Stati

Il cambio di linea di Trump sulla pace in Medio Oriente

New York, 16 feb. (askanews) - Il cambio improvviso dell'amministrazione Trump sulla questione palestinese potrebbe creare problemi nelle relazioni tra Stati Uniti, Europa e mondo arabo. Donald Trump, infatti, nella conferenza stampa di ieri alla Casa Bianca con il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha detto che la soluzione dei due stati (Israele e Palestina che convivono pacificamente) non è più un elemento fondamentale per arrivare a un accordo tra le due parti. "Mi piacerebbe una soluzione a due Stati o a uno Stato" e "sarò felice con quello che piacerà a israeliani e palestinesi", ha detto Trump.

Un punto di vista che rompe con anni di politiche mediorientali degli Stati Uniti e allo stesso tempo scardina le alleanze. Per la Germania "nonostante le difficoltà siamo convinti che la soluzione dei due stati sia l'unica percorribile per portare la pace nella regione e soddisfare le richieste di entrambe le parti", ha detto Sebastian Fischer, portavoce del ministro degli esteri tedesco. Anche il primo ministro britannico, Theresa May, nel corso del suo incontro con Netanyahu a Londra, ha detto che il suo Paese continua a essere convinto che la soluzione migliore sia quella dei due stati. E allo stesso tempo ha ricordato come la Gran Bretagna si opponga all'espansione degli insediamenti in Cisgiordania. Nella regione vivono circa 400.000 israeliani e più di 100.000 vivono all'esterno dell'area che in un accordo Israele vorrebbe continuare a mantenere.

Le parole di Trump hanno colpito soprattutto i palestinesi. Hanan Ashrawi, ai vertici dell'Organizzazione per la libertà della Palestina, ha detto che "se la amministrazione Trump dovesse rompere con questa politica (quella dei due stati, ndr.) allora potrebbe distruggere ogni possibilità di arrivare alla pace e metterebbe a serio rischio gli interessi, la posizione e la credibilità all'estero". Allo stesso tempo, Sallai Meridor, ex ambasciatore israeliano negli Stati Uniti, ha ricordato che senza la soluzione dei due stati difficilmente le potenze arabe appoggerebbero alcun accordo o semplicemente "si sederebbero al tavolo delle discussioni". A24/Pau/Coa/Int9

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Usa
Trump cita attacco in Svezia che non c'è stato: si scatena l'ironia
Scissione
Il Pd avvia il congresso. Bersani: "Renzi ha alzato un muro"
Assemblea Pd
Emiliano media: "Ho fiducia nel segretario. Soluzione possibile"
Milano
Palme in piazza Duomo, nella notte fuoco ad un albero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia