venerdì 30 settembre | 05:11
pubblicato il 15/gen/2016 21:17

I motivi dello scontro tra Renzi e Juncker

Tensione tra il premier e il presidente della Commissione Ue

I motivi dello scontro tra Renzi e Juncker

Roma, 15 gen. (askanews) - Lascia passare tutta la giornata Matteo Renzi, affida una risposta ferma ma pacata nei toni al ministro Padoan, ma poi a sera sceglie le telecamere del Tg5 per alzare ulteriormente i toni dello scontro con Bruxelles: "L'Italia non può più essere telecomandata" dalla Commissione, "è finito il tempo in cui si andava col cappello in mano", "non sono uno che si fa intimidire", "guido un grande Paese", "rappresento non solo il mio partito ma tutti gli italiani".

Una strategia che guarda sì a Bruxelles, e alla necessità tante volte ribadita dal premier che l'Ue cambi rotta sulla politica economica, ma che sembra guardare anche agli scenari di politica interna. Con quei richiami al Paese e agli italiani che da un lato, spiegano dal Nazareno, "servono a chiedere unità a tutte le forze politiche"; ma che dall'altro "servono anche a far capire chi veramente è in grado di difendere gli interessi degli italiani, al di là delle urla e degli inviti a 'battere i pugni sul tavolo...". E l'esempio che si fa è quello di Brunetta: "Ha chiesto per due anni che l'Italia alzasse la voce, ora si schiera con Juncker?". Tuttavia, Renzi ci tiene a precisare che la sua non è una posizione anti-europeista, anzi: "Le istituzioni di Bruxelles hanno bisogno di farsi aiutare dai veri europeisti, non di aprire polemiche sterili". Ma resta il fatto che la scontro tra Roma e Bruxelles è ormai conclamato, perché - spiega una fonte autorevole del Pd - "Juncker ha scelto di schierarsi con la Merkel. Ha prima politicizzato il merito delle richieste italiane, facendone una questione di socialisti contro popolari, e poi ha scelto di stare dalla parte del più forte". Anche per questo, nella e-news, Renzi ricorda al presidente della Commissione che "è stato eletto in base ad un accordo per flessibilità e investimenti".

Ma la vera battaglia è con Berlino: sull'unione bancaria, sulle sanzioni contro Mosca e i gasdotti con la Russia, sul "double standard" nell'applicazione delle regole Ue, sul cambio di politica economica. Fino a poche settimane fa il premier, parlando con i suoi collaboratori, si diceva sicuro che la Merkel sarebbe rimasta isolata, che "anche la Francia l'avrebbe mollata", sancendo così la vittoria della linea italiana. Un calcolo forse prematuro, visto l'attacco di ieri da parte di Moscovici alle richieste di Roma. E vista la scelta fatta da Juncker. Rea/Int2

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Capitale
Perché Roma rischia di essere commissariata di nuovo (e addio giunta Raggi)
Auto
Una Tesla con "pilota automatico" si è scontrata con un bus sull'autostrada
Google
Un doodle celebra Ladislao José Biro, inventore della penna a sfera
Usa 2016
Trump contro Google: cancella le news negative su Clinton
Altre sezioni
Salute e Benessere
A Roma arriva la Tac più veloce al mondo, radiazioni ridotte del 90%
Enogastronomia
Il 9 ottobre in Valtenesi torna Profumi di mosto
Start Up
Al via campagna crowdfounding a sostegno del progetto Ethicjobs
Motori
La Ferrari svela la Gtc4Lusso T, a Parigi l'anteprima mondiale
Turismo
Bit 2017: Milano punta a riconquistare la leadership nel Turismo
Moda
Moda, a Parigi sfila Yves Saint Laurent in versione Vaccarello
Sistema Trasporti
Fs, piano industriale da 94 miliardi di investimenti in 10 anni
Scienza e Innovazione
Kenya, da cacciatori a custodi di leoni: masai sempre guerrieri
Lifestyle e Design
Nautica, Baglietto: investimenti per 12 mln entro il 2020