mercoledì 22 febbraio | 03:25
pubblicato il 16/feb/2017 20:10

Hanno trovato tracce di vita extraterrestre sul pianeta nano Cerere

La scoperta fatta dai ricercatori italiani dell'Istituto nazionale di astrofisica

Hanno trovato tracce di vita extraterrestre sul pianeta nano Cerere

Milano, 16 feb. (askanews) - Sulla superficie del pianeta nano Cerere, uno dei planetoidi più grandi del Sistema solare, sono state individuate, per la prima volta in modo inequivocabile, tracce di materiale organico; in gran parte costituito da composti alifatici, come il metano o l'acetilene. Si tratta di una prova concreta che la vita, seppur in forma elementare, può essere presente anche in corpi celesti diversi dalla Terra. La scoperta è stata realizzata da un team di ricercatori italiani, coordinati da Maria Cristina De Sanctis dell'Inaf (Istituto nazionale di astrofisica), grazie alle osservazioni dello spettrometro italiano VIR, fornito dall'Asi (Agenzia Spaziale Italiana), che si trova a bordo della missione spaziale Dawn della Nasa.

"La scoperta - ha spiegato la scienziata italiana - è particolarmente interessante perché è la prima volta che si vede un oggetto extraterrestre un segno così chiaro di presenza di organici". L'articolo che descrive la scoperta è stato pubblicato nell'ultimo numero della rivista Science. Il materiale organico è stato individuato in una ampia regione di Cerere di circa 1.000 Km quadrati. È distribuito in gran parte in prossimità del cratere Ernutet ma anche in piccole aree più distanti. "Cerere è un oggetto particolarmente ricco di materiale interessante - ha concluso De Sanctis - la superficie è coperta da filosilicati, argille sostanzialmente, abbiamo presenza di ghiaccio in abbondanza, abbiamo la più larga distribuzione di carbonati al di fuori della Terra, quindi abbiamo tutta una serie di materiali particolarmente interessanti per lo sviluppo della vita". Le osservazioni sono state condotte durante una serie di passaggi della sonda Dawn tra i 4.300 e 385 chilometri d'altezza dalla superficie. Secondo i ricercatori, le cause della presenza di questo materiale potrebbero essere: l'impatto di un corpo celeste ricco di tali composti o, più probabilmente, la formazione di molecole organiche direttamente sul suolo del pianeta nano, come risultato di processi chimici innescati da attività idrotermale. Pdf/Int2

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Avetrana
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Partito democratico
Speranza fuori, Emiliano dentro (cosa è successo oggi nel Pd)
La scissione
Mentre si decidono le regole del congresso Pd Renzi vola negli Usa
Australia
Melbourne, aereo si schianta su centro commerciale: 5 morti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia