martedì 06 dicembre | 04:01
pubblicato il 08/feb/2016 13:29

Grillo ricorregge la linea: libertà di coscienza solo su adozioni

Il leader precisa: sulle unioni voteremo si

Grillo ricoregge la linea: libertà di coscienza solo su adozioni

Roma, 8 feb. (askanews) - I parlamentari del Movimento 5 Stelle voteranno sì al ddl sulle unioni civili come stabilito nella votazione avvenuta sul blog il 28 ottobre 2014 ma, siccome il quesito della consultazione online non conteneva domande sulla stepchild adoption, "in via del tutto straordinaria Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio, in qualità di Garanti del Movimento, si sono assunti la responsabilità di rinunciare a un'ulteriore votazione sul blog e di lasciare ai portavoce la libertà di decidere sulla stepchild adoption secondo coscienza, sulla base di principi personali". Lo precisa il blog di Grillo in un post firmato Movimento 5 Stelle. "Con una votazione sul blog del 28 ottobre 2014 - si legge - gli iscritti al MoVimento 5 Stelle hanno espresso la loro posizione favorevole sulle unioni civili. Il quesito non conteneva però espliciti e diretti riferimenti alla stepchild adoption, né le spiegazioni necessarie per esprimere un voto consapevole su un tema tanto complesso e delicato. L'indicazione di voto uscita da quella consultazione è stata già espressa dai portavoce M5S nelle votazioni che si sono svolte in Commissione al Senato e ugualmente sarà rispettata nelle votazioni sulle unioni civili che a partire da questa settimana si svolgeranno in Aula. Questo a conferma del fatto che la democrazia diretta e il rispetto della volontà degli iscritti, espressa tramite le consultazioni sul Blog, sono i principi cardine su cui si fonda il MoVimento 5 Stelle e da cui il MoVimento non può prescindere. In via del tutto straordinaria, a fronte di un tema etico che chiama in gioco anche i diritti di bambini, Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio, in qualità di Garanti del Movimento, si sono assunti la responsabilità di rinunciare a un'ulteriore votazione sul blog e di lasciare ai portavoce la libertà di decidere sulla stepchild adoption secondo coscienza, sulla base di principi personali. Così facendo si è voluto evitare di mettere i parlamentari nella condizione di votare, eventualmente, per costrizione a maggioranza essendo portavoce e contro la propria coscienza su una materia che riguarda la sfera dei minori e tocca da vicino le convinzioni e i valori più intimi e profondi di ognuno di noi". Luc MAZ

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Come i media internazionali commentano la vittoria del "No"
Riforme
Casa Bianca: i rapporti con l'Italia non cambiano dopo la vittoria del "No"
Governo
Renzi sale al Quirinale. Mattarella: "Garantire gli impegni"
Referendum
Consiglio dei ministri alle 18.30. Renzi: "Mille giorni difficili ma belli"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari