martedì 21 febbraio | 20:37
pubblicato il 09/feb/2016 13:40

Di Maio (M5S): "Traditori saranno puniti. Per chi non paga c'è il tribunale"

Multa da 150 mila euro per amministratori che cambiano casacca. Pd: "Cultura fascista"

Di Maio (M5S): "Traditori saranno puniti. Per chi non paga c'è il tribunale"

Roma, 9 feb. (askanews) - "Se non pagano la sanzione li portiamo direttamente in tribunale". Lo afferma, in un'intervista al Corriere della Sera, il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio (M5s), che difende così l'idea di una "multa" da 150 mila euro pensata da Gianroberto Casaleggio per gli amministratori comunali a Roma che dovessero tradire il Movimento. "I nostri deputati europei hanno firmato per 200mila e non è mai stata esercitata. Nel nostro regolamento interno già esiste", aggiunge, spiegando che "è anche un deterrente, ma gli eurodeputati sono stati bravissimi, non è stato necessario applicarla". "Rientra nella categoria degli 'atti pattizi', un patto tra privati", continua Di Maio, ribadendo che "chi si candida a Roma con noi firmerà questo atto, si impegna legalmente sottoscrivendolo, se disattende, come ho già detto, lo portiamo in tribunale. Quando si cambia casacca non si danneggia il Movimento, ma soprattutto gli elettori". "Bisogna rispettare il vincolo di mandato, non ne possiamo più di questi eletti da noi che poi passano al Pd. Ora basta" perchè, conclude Di Maio, "è legittimo cambiare idea, ma a quel punto ti rimetti in gioco, ti fai rieleggere". La decisione è stata criticata dagli esponenti del Pd. "Sono linguaggi e strumenti ridicoli, che denotano una cultura fascista. Per questo serve subito una nuova legge sui partiti", ha detto la senatrice Francesa Puglisi, della segreteria nazionale del Partito Democratico. Per Alessia Rotta, responsabile comunicazione del Pd, "i fatti parlano di un partito teleguidato dalla Casaleggio & associati, che adesso intende anche mettere sotto controllo la vita delle amministrazioni. Dal Direttorio siamo passati al 'dittatorio' composto da volenterosi galoppini dell'utilizzatore finale Casaleggio". "Il Movimento 5 Stelle è guidato da una figura opaca che vorrebbe governare l'Italia da un ufficio a Milano, con regole che ricordano periodi neri della storia, non solo italiana. Mi aspetto, a breve, olio di ricino e manganelli", ha detto il senatore Stefano EspositO. Int3

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Avetrana
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
La scissione
Mentre si decidono le regole del congresso Pd Renzi vola negli Usa
Australia
Melbourne, aereo si schianta su centro commerciale: 5 morti
M.O.
Beirut, Marine Le Pen rifiuta il velo e annulla incontro con il gran muftì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia