martedì 17 gennaio | 10:45
pubblicato il 09/feb/2016 13:40

Di Maio (M5S): "Traditori saranno puniti. Per chi non paga c'è il tribunale"

Multa da 150 mila euro per amministratori che cambiano casacca. Pd: "Cultura fascista"

Di Maio (M5S): "Traditori saranno puniti. Per chi non paga c'è il tribunale"

Roma, 9 feb. (askanews) - "Se non pagano la sanzione li portiamo direttamente in tribunale". Lo afferma, in un'intervista al Corriere della Sera, il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio (M5s), che difende così l'idea di una "multa" da 150 mila euro pensata da Gianroberto Casaleggio per gli amministratori comunali a Roma che dovessero tradire il Movimento. "I nostri deputati europei hanno firmato per 200mila e non è mai stata esercitata. Nel nostro regolamento interno già esiste", aggiunge, spiegando che "è anche un deterrente, ma gli eurodeputati sono stati bravissimi, non è stato necessario applicarla". "Rientra nella categoria degli 'atti pattizi', un patto tra privati", continua Di Maio, ribadendo che "chi si candida a Roma con noi firmerà questo atto, si impegna legalmente sottoscrivendolo, se disattende, come ho già detto, lo portiamo in tribunale. Quando si cambia casacca non si danneggia il Movimento, ma soprattutto gli elettori". "Bisogna rispettare il vincolo di mandato, non ne possiamo più di questi eletti da noi che poi passano al Pd. Ora basta" perchè, conclude Di Maio, "è legittimo cambiare idea, ma a quel punto ti rimetti in gioco, ti fai rieleggere". La decisione è stata criticata dagli esponenti del Pd. "Sono linguaggi e strumenti ridicoli, che denotano una cultura fascista. Per questo serve subito una nuova legge sui partiti", ha detto la senatrice Francesa Puglisi, della segreteria nazionale del Partito Democratico. Per Alessia Rotta, responsabile comunicazione del Pd, "i fatti parlano di un partito teleguidato dalla Casaleggio & associati, che adesso intende anche mettere sotto controllo la vita delle amministrazioni. Dal Direttorio siamo passati al 'dittatorio' composto da volenterosi galoppini dell'utilizzatore finale Casaleggio". "Il Movimento 5 Stelle è guidato da una figura opaca che vorrebbe governare l'Italia da un ufficio a Milano, con regole che ricordano periodi neri della storia, non solo italiana. Mi aspetto, a breve, olio di ricino e manganelli", ha detto il senatore Stefano EspositO. Int3

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
La storia
Lo strano caso della donna allergica al marito (e non in senso figurato)
Il caso
Anche un italiano fra le vittime della sparatoria a Playa del Carmen
Persone
Lo scontro social tra Guè Pequeno e Marracash contro Fedez
Conti pubblici
La Ue chiede il conto all'Italia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello