martedì 06 dicembre | 17:43
pubblicato il 15/mar/2016 11:12

Dalle strade agli asili ecco tutti gli appalti illegali di Roma

L'indagine dell'Anticorruzione

Dalle strade agli asili ecco tutti gli appalti illegali di Roma

Roma, 15 mar. (askanews) - L'indagine dell'Autorità nazionale anticorruzione ha rivelato che dal 2012 al 2014, all'interno del Comune di Roma, c'è stata "la sistematica e diffusa violazione delle norme". Il lavoro dell'Anac "ha palesato il ricorso generalizzato e indiscriminato a procedure prive di evidenza pubblica, con il conseguente incremento di possibili fenomeni distorsivi che agevolano il radicarsi di prassi corruttive". Il contenuto dell'ultimo capitolo del lavoro degli uomini di Raffaele Cantone, firmato il 10 marzo scorso, è stato anticipato dai quotidiani "Repubblica" e "Messaggero". Un'indagine che ha riguardato diversi ambiti: dalla manutenzione delle strade ai servizi per i disabili e gli asili, dagli ospizi agli affitti delle case, dalla macellazione della carne alla tutela del verde pubblico, dall' acquisto di nuovi software alla gestione dei canili. Secondo la relazione dell'Anac "la gestione delle attività contrattuali di Roma Capitale, nei suoi molteplici aspetti e modalità, non è conforme ai principi di buon andamento e di imparzialità dell' amministrazione sanciti dall' articolo 97 della Costituzione". Per questo "si riscontrano ricadute negative sulla qualità delle prestazioni e sull' incremento dei costi, nonché sulla lesione della concorrenza, come effetto della sottrazione alle regole di competitività del mercato di una cospicua quota di appalti, affidati per la maggior parte senza gara". "Il sistema è così complicato che era veramente difficile creare meccanismi di controllo. Il punto vero è la complessità di una macchina burocratica che, come noi abbiamo evidenziato nella nostra relazione, ha circa 100 centri di posto. Deve essere assolutamente semplificata", ha poi commentato il presidente dell'Anac. Nella relazione si invita il commissario della Capitale a colpire i responsabili, Cantone spiega: "La responsabilità principale è certamente dei dirigenti di alcuni dipartimenti e di alcuni funzionari. Ma nel corso del tempo c'è stato anche uno scarso controllo da parte della politica". Cantone prosegue: "Anche la normativa sugli appalti ha finito per essere un'agevolazione di questo meccanismo. Ma negli ultimi tempi della giunta Marino, grazie anche agli interventi che erano stati messi in campo dall'assessore Sabella, si stava andando verso la direzione giusta. Chiunque amministrerà Roma si troverà tra le mani una macchina complicata da far ripartire, che ha subito anche colpi durissime per le indagini sul Mondo di mezzo della Procura di Roma. Dovranno essere assegnati molti appalti. La nostra è una fotografia da cui ripartire, quantomeno per dimenticarla al più presto possibile". Rus/Red/Apa/Int5

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Perché Renzi vuole andare alle elezioni anticipate il prima possibile
Terrorismo
L'Isis rilancia: colpite l'Europa dove meno se lo aspetta
Campidoglio
Il giallo sull'addio dell'assessore Berdini (nella giunta Raggi)
Usa
Trump: il nuovo Air Force One costa troppo, cancellare l'ordine
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Touchscreen e realtà aumentata: a Milano il supermarket del futuro
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni