domenica 26 giugno | 04:46
pubblicato il 07/gen/2016 08:04

Confiscati beni per 3 milioni al boss "il leccese"

Sigilli irrevocabili a 28 immobili

Confiscati beni per 3 milioni al boss "il leccese"

Roma, 7 gen. (askanews) - E' di 3 milioni di euro il valore dei beni confiscati dalla Direzione Investigativa Antimafia di Lecce nei confronti del boss Franco Miggiano, 69enne di Lecce, detto "il leccese", da tempo domiciliato a Casarano (Le), già condannato per associazione per delinquere e traffico di sostanze stupefacenti. Il provvedimento di confisca, divenuto irrevocabile il 25 novembre scorso, segue il decreto di sequestro emesso dal Tribunale di Lecce, in accoglimento della proposta di misura di prevenzione patrimoniale avanzata dal Direttore della Dia, a conclusione di articolate indagini patrimoniali svolte dalla Dia salentina, che hanno consentito di accertare una sproporzione tra i redditi dichiarati dal nucleo familiare di Miggiano e gli ingenti possedimenti a lui riconducibili. Il patrimonio divenuto di proprietà dello Stato, è costituito da 28 immobili, tutti nel comune di Casarano (Le). Aer

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Dopo aver votato Leave i pentiti della Brexit già fanno ammenda sui social
Cultura
Per la passerella di Christo scatta la denuncia
M5S
Pizzarotti dice che è assurdo amministrare una città obbedendo a Casaleggio
Spettacolo
Melissa Satta e Prince Boateng oggi sposi a Porto Cervo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Farmaci, Molmed riceve ok condizionato CHMP per commercio Zalmoxis
Motori
Mazda, esordio europeo per la Mx-5 Retractable Fastback
Enogastronomia
Allegrini, il mercato mondiale non si ferma con la Brexit
Turismo
Parigi inaugura il primo hotel galleggiante sulla Senna
Lifestyle e Design
Biennale di architettura, visioni per la città postindustriale
Energia e Ambiente
Rinnovabili, Calenda firma DM su incentivi non fotovoltaico
Moda
Milano Moda, Pal Zileri punta sulla pelle stampata
Scienza e Innovazione
Tutte le novità di YouTube, nuove funzioni per chi crea i video
TechnoFun
Cyber security, le richieste delle compagnie tech al governo Usa