giovedì 29 settembre | 12:07
pubblicato il 27/feb/2016 11:00

Calci e pugni per rubare lo smartphone ma la vittima è un carabiniere

Arrestato a Roma turista scozzese

Calci e pugni per rubare lo smartphone ma la vittima è un carabiniere

Roma, 27 feb. (askanews) - Un carabiniere effettivo al Comando Tutela Patrimonio Culturale di Roma, libero dal servizio, ha arrestato un turista scozzese, di 27 anni, che dopo una serata trascorsa tra i locali di Trastevere e dopo qualche drink di troppo, ormai ubriaco ha cercato di rapinarlo. Il carabiniere che stava passeggiando, libero dal servizio, lungo viale Trastevere, ha incrociato il turista che senza esitare lo ha aggredito cercando di impossessarsi del suo smartphone. Il carabiniere ha reagito al tentativo di rapina e ha bloccato il 27 enne scozzese che unitamente ai colleghi del Nucleo Radiomobile è stato arrestato e accompagnato in caserma, in attesa del rito direttissimo. Il carabiniere, vittima dell'accaduto, è stato visitato al pronto soccorso dell'ospedale Vannini per traumi e abrasioni guaribili in pochi giorni. Red/Rus/Int5

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Virginia Raggi assalita dalla folla se la prende col cameraman
Governo-Sindacati
Pensioni, 6 miliardi in tre anni: dalla 14esima al prestito per uscire prima
Riforme
La Boschi in Sudamerica: volo in economy e non sul jet di stato
Medicina
Una 25enne scopre la molecola a forma di stella che uccide i superbatteri
Altre sezioni
Salute e Benessere
Bicocca, con antinfiammatori aumenta rischio scompenso cardiaco
Enogastronomia
Coldiretti, olio fuorilegge in 3 ristoranti su 4
Start Up
Al via campagna crowdfounding a sostegno del progetto Ethicjobs
Motori
Kia si rinnova con un innovativo crossover ibrido
Turismo
Andar per "Birra" in Fiera a Pordenone in autunno
Moda
Moda, a Parigi sfila Yves Saint Laurent in versione Vaccarello
Sistema Trasporti
Fs, piano industriale da 94 miliardi di investimenti in 10 anni
Scienza e Innovazione
Via Lattea, la galassia è più grande e dinamica che mai
Lifestyle e Design
Fondazione Con il Sud: don Milani e la scuola che serve