giovedì 23 febbraio | 17:35
pubblicato il 14/mar/2016 17:36

Caccia italiani intercettano aereo diretto a Rodi

Non riusciva a contattare enti di controllo del traffico aereo

Caccia italiani intercettano aereo diretto a Rodi

Roma, 14 mar. (askanews) - Due caccia Eurofighter del 36° Stormo dell'Aeronautica Militare si sono alzati in volo per intercettare un velivolo Transall C160, decollato dall'aeroporto di Rives Altes in Francia e diretto a Rodi in Grecia, che non riusciva a mettersi in contatto con gli enti del controllo del traffico aereo italiano per motivi tecnici. I velivoli intercettori del 36° Stormo di Grosseto, in servizio di allarme sul territorio nazionale, hanno raggiunto e identificato il velivolo e, dopo aver accertato l'assenza di una minaccia, sono rientrati alla base. L'Aeronautica Militare assicura la sorveglianza dello spazio aereo nazionale 365 giorni all'anno, 24 ore su 24, con un sistema di difesa integrato, fin dal tempo di pace, con quello degli altri Paesi appartenenti alla Nato. Il servizio è garantito dal 36° Stormo di Gioia del Colle, dal 4° Stormo di Grosseto e dal 37° Stormo di Trapani con velivoli caccia Eurofighter. Coa MAZ

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Persone
Grave Leone di Lernia, anima de lo "Zoo di 105"
Usa
Trump cancella i diritti transgender di Obama
Papa
Papa Francesco: è scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Campidoglio
Stadio della Roma: i geologi dicono che è meglio da un'altra parte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech