giovedì 23 febbraio | 13:29
pubblicato il 02/apr/2015 13:00

Berlusconi: "Vendo il 75% del Milan ai cinesi"

"Ma Barbara resta Ad". Nuovo incontro a Arcore nelle prossime ore

Berlusconi: "Vendo il 75% del Milan ai cinesi"

Roma, 2 apr. (askanews) - Per Silvio Berlusconi "la vendita del 75% del Milan ai cinesi è cosa fatta". Lo ripete da giorni l'ex premier, nei suoi incontri privati e nelle riunioni più allargate che si tengono tra Arcore e Roma. L'ultima volta martedì sera a Palazzo Grazioli, incontrando una ventina di Comites, i rapresentati delle comunità italiane all'estero. A loro ha raccontato che la trattativa è ormai chiusa, che "serve ancora qualche mese per limare i dettagli", ma che ormai non ci sono dubbi: dopo l'Inter a un indonesiano, il Milan finirà ai cinesi. Con la garanzia, spiegava Berlusconi la scorsa settimana durante un pranzo ad Arcore, che la figlia Barbara conservi il suo ruolo di amministratore delegato.

Il costo dell'operazione dovrebbe superare il miliardo di euro. Anche se l'ex premier, sempre nei suoi incontri privati, parla di "un miliardo e mezzo". D'altra parte, secondo quanto va raccontando Berlusconi ormai da settimane, "l'interesse dei cinesi sarebbe sostenuto con forza dallo stesso governo di Pechino", con un "ruolo centrale nell'operazione del primo ministro". L'obiettivo, infatti, sarebbe quello di diffondere il più possibile il calcio in Cina, un Paese con oltre 1,3 miliardi di abitanti dove non dovrebbe essere difficile "crescere" una nazionale che in pochi anni possa competere ai massimi livelli. Anche se la Repubblica popolare cinese si è qualificata una sola volta per i Mondiali di calcio (nel 2002), l'intenzione è quella di ritagliarsi al più presto un ruolo centrale nel mondo del calcio e nelle diverse competizioni internazionali a partire dai Mondiali che si terranno in Russia nel 2018.

Di qui la decisione del governo di finanziare la Evergrande International Football School, in termini di dimensioni la più grande scuola calcio del mondo. Il secondo decisivo passo di questo progetto - ha raccontato in questi giorni Berlusconi ai suoi interlocutori - sarebbe proprio l'acquisto del Milan. "E' la seconda squadra al mondo per numero di titoli - ricorda l'ex premier - e la più conosciuta in Cina". Dell'acquisto si tornerà a parlare nel dettaglio a breve visto che l'ex premier avrebbe in agenda un faccia a faccia con la delegazione cinese nelle prossime 24 ore ad Arcore: stasera o al più tardi domani. Bac

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Usa
Trump cancella i diritti transgender di Obama
Minori
Il disturbatore tv Gabriele Paolini rischia 6 anni di carcere
Aborto
Il San Camillo assume solo medici non obiettori e scoppia la polemica
Roma
Virginia Raggi ha 48 ore per risolvere la questione stadio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Borella, Maestro d'olio: amaro, piccante e quindi salutare
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech