mercoledì 01 giugno | 03:33
pubblicato il 19/feb/2016 08:27

Anziano rapinato e gettato in mare, presi i Bonnie e Clyde della Romania

Operazione dei carabinieri del comando di Vibo Valentia

Anziano rapinato e gettato in mare, presi Bonnie e Clyde dalla Romania

Roma, 19 feb. (askanews) - Bonnie e Clyde made in Romania e spietati. E' questo il ritratto di due immigrati, lui di 35 e lei 36, arrestati dai carabinieri di Vibo Valentia in relazione all'omicidio ed alla rapina di un anziano prima tramortito e poi gettato a mare nella località Marina di Pizzo per simularne l'annegamento. La coppia era solita agire con modalità seriali - si spiega - adescava persone anziane con una certa disponibilità economica, e dopo averle attirate in luoghi isolati con il pretesto di un rapporto sessuale, scattava l'aggressione, con pestaggi veri e propri. I particolari dell'indagine saranno resi noti durante la conferenza stampa in programma oggi, 19 febbraio, alle ore 10 alla Procura di Vibo Valentia, di Mario Spagnuolo. Red/nav/int5

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cronaca
Parla il killer di Sara: lei era una cosa mia per questo l'ho bruciata
Economia
Il paradosso spiegato (perché cresce la disoccupazione e aumentano gli occupati)
Giappone
E' mistero sul bimbo abbandonato nel bosco degli orsi per punizione
Il caso
I misteriosi volantini Isis (le ipotesi)
Altre sezioni
Salute e Benessere
Paziente salvata grazie a tecnica chirurgica inventata a Pavia
Motori
Auto, per 28% acquirenti la connettività viene prima dei consumi
Enogastronomia
Consorzio Grana Padano, Berni: Bene Calenda e Martina
Turismo
Bibione e Overlog per raggiungere l'eccellenza in spiaggia
Sostenibilità
Prysmian Group, generazione del valore economico salita del 9,9%
Energia e Ambiente
Conto Termico, Braga (Pd): opportunità per imprese, PA e privati
Lifestyle e Design
Cinema, Nastri d'Argento: un "fuori concorso" a Vito Annicchiarico
Scienza e Innovazione
Immergersi nel Piano Nobile del Colle, con Quirinale 3D VR si può
TechnoFun
Odio su web, Facebook, Twitter, YouTube e Microsoft firmano codice