giovedì 23 febbraio | 21:42
pubblicato il 31/dic/2014 15:34

Antonio Gramsci che odiava Capodanno è virale sui social media

Condiviso a raffica un suo articolo del 1916 su l'Avanti!. (Da leggere per chi non l'ha ancora fatto)

Antonio Gramsci che odiava Capodanno è virale sui social media

Roma, 31 dic. (askanews) - E' diventato virale sui social media, in occasione di Capodanno, uno dei massimi intellettuali italiani, Antonio Gramsci. In particolare viene condiviso, "sharato" e postato a ripetizione in questi ultimi giorni un articolo che scrisse nel 1916 sull' "Avanti", e in cui dichiarava la sua antipatia per la ricorrenza. Scriveva che il consuntivo festante di fine anno spezzava la continuità dello spirito umano, riducendolo "a un'azienda commerciale col suo bravo consuntivo, e il suo bilancio e il preventivo per la nuova gestione". Con l'invito a che il Capodanno fosse invece ogni giorno, con la sua possibilità di cambiare criticamente sé stessi e le cose del mondo. Parole decisamente in controtendenza rispetto alla contemporaneità. Che però, per qualche strano motivo, stanno risuonando tra i contemporanei. Capita infatti di leggere brani dell'articolo di Gramsci condivisi su Facebook da persone di tutte le età, ma giovani soprattutto, anche da quelli che di solito postano selfie in discoteca o avventure sullo snowboard. Di sicuro un buon segno, il ritorno di Gramsci. Ad alcuni potrebbe perfino venire voglia di leggerlo. Che la sua capacità critica accompagni donne e uomini nel 2015. E' un augurio. Di seguito, il testo originale. "Ogni mattino, quando mi risveglio ancora sotto la cappa del cielo, sento che per me è capodanno. Perciò odio questi capodanni a scadenza fissa che fanno della vita e dello spirito umano un'azienda commerciale col suo bravo consuntivo, e il suo bilancio e il preventivo per la nuova gestione. Essi fanno perdere il senso della continuità della vita e dello spirito. Si finisce per credere sul serio che tra anno e anno ci sia una soluzione di continuità e che incominci una novella istoria, e si fanno propositi e ci si pente degli spropositi, ecc. ecc. È un torto in genere delle date. Dicono che la cronologia è l'ossatura della storia; e si può ammettere. Ma bisogna anche ammettere che ci sono quattro o cinque date fondamentali, che ogni persona per bene conserva conficcate nel cervello, che hanno giocato dei brutti tiri alla storia. Sono anch'essi capodanni. Il capodanno della storia romana, o del Medioevo, o dell'età moderna. E sono diventati così invadenti e così fossilizzanti che ci sorprendiamo noi stessi a pensare talvolta che la vita in Italia sia incominciata nel 752, e che il 1490 0 il 1492 siano come montagne che l'umanità ha valicato di colpo ritrovandosi in un nuovo mondo, entrando in una nuova vita. Così la data diventa un ingombro, un parapetto che impedisce di vedere che la storia continua a svolgersi con la stessa linea fondamentale immutata, senza bruschi arresti, come quando al cinematografo si strappa il film e si ha un intervallo di luce abbarbagliante. Perciò odio il capodanno. Voglio che ogni mattino sia per me un capodanno. Ogni giorno voglio fare i conti con me stesso, e rinnovarmi ogni giorno. Nessun giorno preventivato per il riposo. Le soste me le scelgo da me, quando mi sento ubriaco di vita intensa e voglio fare un tuffo nell'animalità per ritrarne nuovo vigore. Nessun travettismo spirituale. Ogni ora della mia vita vorrei fosse nuova, pur riallacciandosi a quelle trascorse. Nessun giorno di tripudio a rime obbligate collettive, da spartire con tutti gli estranei che non mi interessano. Perché hanno tripudiato i nonni dei nostri nonni ecc., dovremmo anche noi sentire il bisogno del tripudio. Tutto ciò stomaca. Aspetto il socialismo anche per questa ragione. Perché scaraventerà nell'immondezzaio tutte queste date che ormai non hanno più nessuna risonanza nel nostro spirito e, se ne creerà delle altre, saranno almeno le nostre, e non quelle che dobbiamo accettare senza beneficio d'inventario dai nostri sciocchissimi antenati". (Antonio Gramsci, 1 gennaio 1916, "Avanti!", edizione torinese, rubrica Sotto la Mole). San

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Persone
Grave Leone di Lernia, anima de lo "Zoo di 105"
Papa
Papa Francesco: è scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Milleproroghe
Milleproroghe, il governo si impegna a eliminare la norma Flixbus
Usa
Trump cancella i diritti transgender di Obama
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech