venerdì 02 dicembre | 20:58
pubblicato il 18/ott/2016 13:02

Malagò:_"Per candidatura spesi 13 milioni di euro

"Per lo stadio della Roma qualche contraddizione ci potrà essere"

Malagò:_"Per candidatura spesi 13 milioni di euro

Roma, 18 ott. (askanews) - Il processo di candidatura di Roma 2024 è costato circa 13 milioni di euro. Lo ha detto a Radio 24 il presidente del Coni Giovanni Malagò. Spese "non recuperabili perché spese per la candidatura". "Il processo "si è interrotto da questa settimana da quando abbiamo formalmente messo in liquidazione il comitato". Malagò ha anche precisato che "Il comune che ospita le olimpiadi non deve pagare niente nel modo più assoluto, deve dare la sua disponibilità a supportare la candidatura. Per essere credibili e forti bisognava avere tre cose: un governo che era d'accordo e che garantiva gli impegni finanziari e sosteneva la candidatura, un comune ovviamente disponibile a sostenerla e un comitato olimpico che se ne facesse carico che è l'interlocutore col Cio". Alla domanda se lo stop alla candidatura di Roma pregiudica future candidature italiane la risposta è "Sì. Perché il Comitato Olimpico Internazionale oramai è diventato diffidente nei confronti della politica italiana e soprattutto di chi ha cambiato idea. Perché una cosa che è doveroso dirla: non è che noi siamo partiti ascoltando un parere negativo, noi avevamo tutte le carte in regola e ci hanno detto cominciate la corsa, poi a dieci mesi dall'arrivo, quindi al 30esimo kilometro della maratona ci hanno detto fermate questa corsa perché sono cambiate le regole". Una parola anche sullo scheletro disegnato da Calatrava definito "una delle pietre dello scandalo: con le Olimpiadi, avevamo previsto con gli investimenti del Cio, 1 miliardo e 700 milioni di dollari, di recuperare un'opera incompiuta. Purtroppo non so adesso quali alternative di progetti ci sono. Ho sentito parlare di una Città della scienza". Sullo stadio della Roma dice: "Viste le motivazioni date in tema di Olimpiadi, credo onestamente che sullo stadio della Roma qualche contraddizione ci potrà essere. Io sono un fautore di ogni realizzazione di infrastrutture sportive. Di discorsi legati a cubature non mi voglio occupare. Ogni società deve avere un suo stadio". Infine il tormentone Totti: "Non sarei così sicuro che questo sarà il suo ultimo anno - azzarda - Ho letto che sta pensando di fare l'allenatore e anche per me è stata una novità. Come sarà la Roma senza di lui? Uno ad un certo momento ci si deve abituare".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Golf
World challenge: Tiger Woods, primo giro con luci e ombre
Golf
Eurotour: in Austrialia Bertasio ed Edo. Molinari fuori al taglio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari