Header Top
Logo
Lunedì 28 Settembre 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Sport
  • Dona Bertarelli nominata Consigliera Speciale per la Blue Economy

colonna Sinistra
Giovedì 4 giugno 2020 - 19:02

Dona Bertarelli nominata Consigliera Speciale per la Blue Economy

Della Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (UNCTAD)
Dona Bertarelli nominata Consigliera Speciale per la Blue Economy

Roma, 4 giu. (askanews) – Dona Bertarelli, svizzera di origine italiana, nota per le sue imprese veliche in oceano, detentrice del record femminile di velocità nel giro del mondo a vela senza scalo, imprenditrice e fautrice della conservazione degli oceani, è stata nominata Consigliera Speciale per la Blue Economy della Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (UNCTAD).

Dona Bertarelli collaborerà a fianco dell’UNCTAD alla promozione di un’economia blu sostenibile, in particolar modo nei paesi in via di sviluppo, al fine di assicurare l’utilizzo responsabile e rigenerativo degli oceani, dei mari e delle coste, con l’obiettivo di stimolare la crescita economica salvaguardando l’equilibrio degli ecosistemi oceanici.

Nel 1998 Dona Bertarelli ha co-creato la Fondazione Bertarelli dove, da dieci anni, guida il lavoro per l’attuazione di politiche in favore della conservazione dell’ambiente marino e della protezione degli oceani, politiche che possono contribuire a salvaguardare i mezzi di sussistenza dei miliardi di persone che dipendono dall’oceano. A oggi, la Fondazione Bertarelli ha sostenuto la protezione e la conservazione ambientale di oltre 2,7 milioni di chilometri quadrati di oceano.

“Sono onorata per questa nomina e grata per l’opportunità che mi viene offerta di partecipare agli sforzi per la creazione di una blue economy sostenibile”, ha dichiarato Dona Bertarelli. “Dipendiamo dall’oceano per tutto: per il sostentamento, il cibo, i trasporti, le attività ricreative, il turismo e persino per l’aria che respiriamo. Ma i nostri oceani sono minacciati, e questo ha un impatto su tutti noi. È giunta l’ora di fare le cose in maniera diversa per preservare gli oceani e, al medesimo tempo, creare un’economia blu sostenibile e rigenerativa, che porti benefici a tutti, per le prossime generazioni”, ha concluso.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su