Header Top
Logo
Venerdì 18 Ottobre 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Sport
  • Nazionale, Spinazzola: “Arrivato per restare in pianta stabile”

colonna Sinistra
Mercoledì 9 ottobre 2019 - 17:29

Nazionale, Spinazzola: “Arrivato per restare in pianta stabile”

Sabato Italia-Grecia può regalare il pass per Euro 2020
Nazionale, Spinazzola: “Arrivato per restare in pianta stabile”

Roma, 9 ott. (askanews) – Leonardo Spinazzola è arrivato in estate alla Roma per mettersi definitivamente alle spalle quegli infortuni che lo hanno frenato nella sua esperienza alla Juventus e per dimostrare di essere uno dei migliori esterni del campionato italiano. Si è affacciato per la prima volta a Coverciano nel marzo 2017, convocato dall’ex Ct Ventura grazie alle ottime prestazioni con la maglia dell’Atalanta e adesso spera di restare in pianta stabile nel gruppo azzurro.

“Siamo – dice – una buonissima squadra, una Nazionale forte con difensori di primissima fascia che giocano nelle migliori squadre d’Italia e d’Europa. Tutti i ruoli sono coperti da due o più giocatori e per quanto riguarda un mio possibile impiego non so cosa deciderà il mister”. Alla Roma la presenza di Kolarov ha fatto sì che in alcune occasioni sia stato dirottato a destra, ma Spinazzola continua a preferire l’altra fascia: “Ho giocato sempre a sinistra e lì mi trovo molto meglio. Sono destro e se il mister mi vuole far giocare a destra lo faccio, ma non sono abituato a ricoprire quella zona. Comunque, se gioco più partite a destra non è che mi dimentico come si gioca a sinistra”. La duttilità e la facilità di corsa gli hanno permesso di giocare anche più avanzato: “L’esterno alto l’ho fatto sei anni fa, ma preferisco essere schierato più basso perché ho molto più campo. Poi gioco dove vuole il mister, ho la fortuna o la sfortuna di saper ricoprire più ruoli”.

Ultima battuta sulla maglia verde con cui la Nazionale scenderà in campo sabato: “È una cosa nuova – dichiara Acerbi – la maglia è molto carina”. “Noi dobbiamo pensare a giocare e rappresentare l’Italia – aggiunge Spinazzola – il colore della maglia è indifferente”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su