Header Top
Logo
Domenica 22 Luglio 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Sport
  • Totti: “Con Spalletti non c’è mai stato confronto”

colonna Sinistra
Martedì 13 febbraio 2018 - 19:03

Totti: “Con Spalletti non c’è mai stato confronto”

"In questo mercato pazzo io varrei 200 milioni"
Totti: “Con Spalletti non c’è mai stato confronto”

Roma, 13 feb. (askanews) – “Con Spalletti non c’è mai stato un confronto e mai ci sarà. Avrei preferito chiudere in altro modo.”. Parola di Francesco Totti intervistato da Alessandro Alciato in una speciale puntata de I Signori del Calcio (sabato 17 Sky Sport 1 ore 19.15 e 23.45): “Avessi saputo che sarebbe stato l’ultimo anno della mia carriera – continua – avrei fatto cose diverse. Fossi stato in lui avrei gestito il calciatore in maniera diversa, e soprattutto la persona: mi sarei confrontato con lui, gli avrei parlato. Comunque riuscito a fare questo passaggio da calciatore a dirigente della Roma, e l’ho fatto con lo spirito giusto: con l’armonia, con l’intelligenza di una persona grande. Sono cresciuto nel campo e nel campo morirò”. Totti parla anche del suo rapporto, questa volta d’amore, con la Roma, sposata a vita nonostante le offerte per andare via non mancassero: “Quella più concreta per lasciare la Roma è stata quella del Real Madrid, nel 2003/04. Ho fatto una scelta ben precisa: precludermi la possibilità di vincere tanto per rimanere con un’unica maglia, che per me è stata la cosa più importante. Per la Roma ho dato il 101%, perché ho messo la Roma davanti a tutto, a tutto il resto”. L’unico rammarico che Totti ha per la sua carriera, il Pallone d’Oro: “E’ una delle cose che mi è mancata personalmente, anche perché il Pallone d’Oro si vince vincendo la Champions o il Mondiale”. Quello di oggi, in ogni caso, è un calcio decisamente diverso rispetto a quello dei primi anni di carriera di Totti. “Non penso che esista un altro Totti e che nel caso possa rimanere a lungo nella Roma. Conta il business”. Ill mercato? “Se dipendesse da me spenderei qualsiasi cifra al mondo per comprare i giocatori più forti, anche perché per vincere servono giocatori forti. Poi decide il presidente. In questo mercato pazzo io costerei 200 milioni”

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su