Header Top
Logo
Domenica 24 Settembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Sport
  • Allegri: “Domani solo un risultato a disposizione, la vittoria”

colonna Sinistra
Sabato 16 settembre 2017 - 15:07

Allegri: “Domani solo un risultato a disposizione, la vittoria”

Giocare da squadra
20170916_150704_B3AE4F94

Roma, 16 set. (askanews) – “Dobbiamo giocare da squadra, cosa che al Camp Nou abbiamo un po’ perso e non deve più succedere. Domani abbiamo un solo risultato a disposizione che è la vittoria, ma ci vorrà grande rispetto e umiltà per questa partita”. Commenta così Massimiliano Allegri la sfida contro il Sassuolo che arriva dopo il ko in Champions League contro il Barcellona. Ed è proprio sulla sfida contro gli spagnoli che il tecnico bianconero si sofferma in conferenza stampa: “Bisogna ragionare sugli errori. La squadra ha fatto un bel primo tempo, poi potevamo evitare il primo gol ma a Barcellona può capitare. Nella ripresa bisognava continuare a giocare come nel primo tempo, ma se poi lasci campo aperto al Barcellona è più difficile recuperare le partite. Da quella partita dobbiamo trarre degli insegnamenti. Noi dobbiamo giocare come sappiamo, con le nostre qualità tecniche. Abbiamo la possibilità di poter giocare contro queste squadre e batterle”.

Il tecnico bianconero poi torna a parlare della sfida contro il Sassuolo e svela anche qualche dubbio di formazione: “Gioca Dybala e Matuidi-Pjanic a centrocampo. Bernardeschi? O lui o Cuadrado. Domani rientrano Mandzukic e Chiellini. Pjaca, Marchisio, De Sciglio, Howedes e Khedira sono out. Domani è la prima partita di un ciclo importante. Abbiamo un solo risultato a disposizione che è la vittoria, ma ci vorrà grande rispetto e umiltà per questa partita”. Quando gli viene chiesto e gli manca la BBC, risponde: “A Barcellona non abbiamo perso perché i difensori hanno fatto male. Anche i migliori difensori al mondo, abbandonati a se stessi contro giocatori come Messi, hanno difficoltà. I difensori devono essere aiutati da attaccanti e centrocampisti. Sotto questo aspetto sono quindi sereno perché ho giocatori di grande affidabilità”. Infine parla della differenza del centrocampo da due a tre, e sull’esclusione di Higuain dalla nazionale argentina: “I vantaggi di giocare a tre sono le mezz’ali che si inseriscono. A due hai meno centrocampisti ma più giocatori offensivi. Ora, con Marchisio e Khedira fuori, difficilmente potremo giocare con i tre centrocampisti. L’esclusione di Higuain dalla sua nazionale deve essere un grande stimolo per ripetere l’annata scorsa e migliorarla. Domani mi aspetto da lui una grande partita e sicuramente la farà”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su