Header Top
Logo
Martedì 25 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Sport
  • Hamilton, nessuna penalità: “Chiedo scusa a Grosjean”

colonna Sinistra
Sabato 15 luglio 2017 - 16:29

Hamilton, nessuna penalità: “Chiedo scusa a Grosjean”

E sul giro record: "L'ho adorato, è stato spettacolare"
20170715_162929_3060C87A

Roma, 15 lug. (askanews) – Nessuna penalità per Lewis Hamilton. Il britannico si prende la pole position in 1:26.600 al termine di un giro spettacolare. Era sotto investigazione per aver ostacolato Grosjean, ma non c’è stata penalità. “Sicuramente sono di parte – dice – ma nel momento in cui ho notato che Grosjean stava arrivando ho subito pigiato sull’acceleratore e mi sono distaccato. Sicuramente non avevo intenzione di ostacolare nessuno. Nessuno poi mi ha detto nulla in quel caso su chi stava arrivando. So quello che si prova in quei momenti ma non c’era nessuna intenzione da parte mia. Chiedo scusa. Lo farò anche in pubblico se dovrò “. Poi parla del suo giro veloce: “Le condizioni sono state complicate per tutti. Verso la fine si è asciugato e dipendeva da quanto riuscivi a spingere alla fine e quanto riuscivi a sfruttare le gomme. Nelle prove non arrivi a quel limite e non hai abbastanza tempo per un giro come quello anche perché c’è stato bagnato-asciutto-bagnato. Le cose sono comunque andate bene. Quel giro è stato spettacolare. L’ho davvero adorato”. Infine i saluti al suo pubblico. Correre a Silverstone è sempre spettacolare: “Un enorme grazie a tutti i fan che vengono qui ogni anno. E’ fantastico vedere così tante persone qui a partire dal giovedì. Nel tuo giro veloce puoi vedere tutte le bandiere, tutti i cappellini. Ogni volta quando passo tra le curve riesco a vedere con un angolo dell’occhio i fan che mi salutano e i sostengono. Un qualcosa che mi dà ancora più energia e mi ispira a fare giri come quello che ho fatto oggi. Abbiamo lavorato sodo, gli ingegneri hanno fatto un lavoro fantastico per trovare l’assetto ideale. Sono state qualifiche complicate come sempre con tutte le macchine in pista e un po’ di pioggia. Però sono le condizioni nelle quali sono cresciuto e quindi mi sono sentito a casa mia. Quando si è asciugata sono riuscito a sfruttare le gomme e nell’ultimo giro ho avuto sensazioni fantastiche”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su