Header Top
Logo
Giovedì 13 Dicembre 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Sport
  • Golf Ariya Jutanugarn a gran ritmo

colonna Sinistra
Giovedì 18 agosto 2016 - 10:14

Golf Ariya Jutanugarn a gran ritmo

Le azzurre Sergas e Molinaro oltre la cinquantesima posizione
20160818_101356_488DB5C5

Roma, 18 ago. (askanews) – Giulia Sergas, 51ª con 77 (+6), e Giulia Molinaro, 54ª con 78 (+7), dopo il primo giro del torneo olimpico di golf che si sta svolgendo all’Olympic Golf Course (par 71) nella Reserva de Marapendi a Rio de Janeiro. E’ al comando con 65 (-6) colpi la thailandese Ariya Jutanugarn (nella foto), numero due mondiale e una delle più accreditate candidate al titolo, che ha espresso un gran gioco, così come le coreane Inbee Park e Sei Young Kim che la seguono a un colpo (66, -5). Tre outsiders al quarto posto con 67 (-4), la danese Nicole Broch Larsen, la taiwanese Candie Kung e la spagnola Carlota Ciganda. Ariya Jutanugarn, 21anni a novembre, quattro titoli nel PGA Tour comprensivi di un major tutti conquistati quest’anno, ha iniziato il suo recupero nei riguardi di Inbee Park, che era partita molto prima di lei, con tre birdie, contro un bogey sulla prima metà del campo, poi si è portata a “meno 4” alla 14ª buca infilando nell’ordine due birdie, un doppio bogey e un eagle. A quel punto, con la Park in club house con sul “meno 5”, ha operato il sorpasso con altri due birdie. E’ stata una giornata difficile per le azzurre, entrambe partite bene con un birdie. Giulia Sergas ha segnato a seguire un doppio bogey, poi è rimasta un colpo sopra par (bogey alla 5ª, birdie alla 6ª) fino alla buca 8 quando è iniziato un black out che ha portato dalla 9ª quattro bogey consecutivi, a cui se n’è aggiunto un altro alla 14ª. Giulia Molinaro è andata in altalena per quattro buche facendo seguire al birdie in avvio due bogey e un birdie, poi ha lasciato un colpo sulla 9ª. Rientro da dimenticare con un birdie, due bogey, un doppio bogey e un pesante “8” alla buca conclusiva, par 5. Il percorso, sebbene ridotto a 5.711 metri (6.516 metri per gli uomini), si è dimostrato ancora una volta selettivo, anche se non c’è stato molto vento.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su