Header Top
Logo
Sabato 15 Agosto 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Spettacolo
  • “Dafne”, vincitore del premio Fipresci a Berlino, ora su Raiplay

colonna Sinistra
Giovedì 2 luglio 2020 - 12:46

“Dafne”, vincitore del premio Fipresci a Berlino, ora su Raiplay

Nel film di Federico Bondi protagonista una ragazza Down
“Dafne”, vincitore del premio Fipresci a Berlino, ora su Raiplay

Roma, 2 lug. (askanews) – Arriva in esclusiva su Raiplay “Dafne”, il film che aveva vinto il premio della stampa internazionale Fipresci al festival di Berlino, e che sarebbe dovuto uscire nei cinema il 21 marzo, Giornata mondiale delle persone con sindrome di Down. Protagonista di questa commedia drammatica di Federico Bondi è l’esordiente Carolina Raspanti, che interpreta una ragazza Down di 35 anni, con un lavoro che le piace e molti amici e colleghi che le vogliono bene. Quando la madre scompare improvvisamente, Dafne, volitiva e con una forte personalità, deve affrontare il lutto ma anche sostenere il padre. Solo pian piano i due troveranno la strada giusta per dialogare, conoscersi e proseguire il loro cammino insieme.

L’idea del film era venuta al regista qualche anno fa vedendo alla fermata di un autobus un padre anziano e una figlia con la sindrome di Down che si tenevano per mano: “Fermi, in piedi, tra il via vai di macchine e passanti, mi apparvero come degli eroi, due sopravvissuti” ha detto Bondi.

A proposito della sua protagonista, Carolina Raspanti, il regista ha affermato: “Sul set la sua presenza si è rivelata un esempio per tutti: Carolina non subisce la propria diversità ma la accoglie, ci dialoga, vive la sua condizione con matura serenità. In un mondo che obbliga all’efficienza e all’illusorio superamento della sofferenza, Carolina/Dafne ci ricorda di accettare, nei suoi limiti, la condizione in cui ci troviamo e di viverla pienamente”.

“Dafne”, secondo i produttori Marta Donzelli e Gregorio Paonessa, non è solo un film sulla sindrome di Down: “è una piccola storia raccontata dal punto di vista unico della sua protagonista, portatrice di quella sindrome. Una giovane donna piena di risorse, pronta ad affrontare il cambiamento con un’incredibile forza”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su