Header Top
Logo
Sabato 4 Luglio 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Spettacolo
  • Dal 25 giugno “Ötzi e il mistero del tempo” arriva su RauPlay

colonna Sinistra
Mercoledì 24 giugno 2020 - 14:17

Dal 25 giugno “Ötzi e il mistero del tempo” arriva su RauPlay

Il film di Pignotta sull'amicizia tra la mummia e tre ragazzi
Dal 25 giugno “Ötzi e il mistero del tempo” arriva su RauPlay

Roma, 24 giu. (askanews) – Dal 25 giugno arriva in esclusiva su RaiPlay “Ötzi e il mistero del tempo” di Gabriele Pignotta. Una produzione One More Pictures con Rai Cinema – sostenuta da IDM Film Fund & Commission dell’Alto Adige – per raccontare la straordinaria storia di amicizia fra tre ragazzi e la famosa mummia Ötzi, tornata in vita dall’età del rame. Nel cast del film, tra i vincitori dell’edizione 2018 del Giffoni Film Festival, dove è stato premiato da una giuria composta da oltre 1000 ragazzi, ci sono Michael Smiley, Alessandra Mastronardi, Vinicio Marchioni, Diego Delpiano, Amelia Bradley, Judah Cousin, Deirdre Mullins.

“Il film guarda al cinema per famiglie degli anni Ottanta, quello che, lontano dalla tecnologia, con protagonisti ragazzini senza cellulari né social, proponeva luoghi fiabeschi, puri, dominati dalla fantasia – ha raccontato il regista Gabriele Pignotta – l’ambizione è di portare i bambini dentro un viaggio fantastico che parte da un importantissimo ritrovamento archeologico e si trasforma in una bellissima avventura umana che arriva dritta al cuore dei nostri piccoli spettatori”.    Il 19 settembre del 2021 saranno 30 anni dal ritrovamento della mummia Ötzi, conosciuta anche come l’Uomo venuto dal ghiaccio o Uomo del Similaun, avvenuto sulle Alpi Venoste, ai piedi dell’omonimo ghiacciaio, al confine fra l’Italia e l’Austria. Vissuto oltre 5.200 anni fa, Ötzi è diventato famoso in tutto il mondo perché il suo corpo si è conservato perfettamente grazie alle favorevoli condizioni climatiche all’interno del ghiacciaio in cui è stato rinvenuto. “Ötzi e il mistero del tempo” è stato girato interamente in Alto Adige, anche al Museo Archeologico di Bolzano, dove è oggi conservata la mummia. 

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su