Header Top
Logo
Martedì 7 Aprile 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Spettacolo
  • Gegé Telesforo ha “Il mondo in testa”, come il suo nuovo album

colonna Sinistra
Lunedì 23 marzo 2020 - 18:58

Gegé Telesforo ha “Il mondo in testa”, come il suo nuovo album

Esce il 27 marzo e l'artista torna a scrivere testi in italiano
Gegé Telesforo ha “Il mondo in testa”, come il suo nuovo album

Roma, 23 mar. (askanews) – Esce venerdì 27 marzo “Il mondo in testa”, nuovo lavoro discografico di Gegé Telesforo, dodicesimo album del cantante, polistrumentista e produttore.

“Il mondo in testa” è più di un titolo; è un manifesto artistico ed esistenziale, ribadito in nove tracce nelle quali l’artista descrive quelli che sono i valori che sostiene da anni; brani nei quali sono condensati quaranta anni di ricerca musicale, di esperienze.

L’album è stato anticipato dall’uscita del videoclip del brano “Il mondo in testa”, affidato alla immaginazione e alla regia della video-artist di New York Dominique Bloink.

Tutta la carriera di Telesforo è stata scandita da incontri con culture diverse. Che fosse su un palco per un concerto, in uno studio televisivo, davanti a un microfono di una radio o in una sala di registrazione, la sua intera vita è una lunghissima Jam Session (termine che deriva da “Jamu” parola Youruba e significa “insieme in concerto”) che lo ha portato nel tempo ad arricchire la sua anima musicale.

Nel nuovo album, realizzato nell’arco di un anno e mezzo, Gegè Telesforo dopo una serie di produzioni dedicate al mercato internazionale torna a scrivere testi in italiano, avvalendosi di alcuni dei più talentuosi musicisti della nuova generazione. Da un lato la freschezza delle voci di Daniela Spalletta, Lello Analfino, Simona Severini e Ainè, le tastiere di Pasquale Strizzi, Domenico Sanna e Seby Burgio, la chitarra di Christian Mascetta, la batteria di Michele Santoleri; dall’altra l’esperienza e le “brotherhood” con il bassista Dario Deidda, il percussionista Peppe Sannino, i sax di Max Ionata e Alfonso Deidda.

Si potrebbe dire che tutto l’intero lavoro è un inno all’amore per la vita, per la natura, che parla di incontri e scoperte di un viaggiatore sempre circondato da suoni e ritmi.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su