Header Top
Logo
Sabato 25 Maggio 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Spettacolo
  • Cinema, cast e sorrisi alla prima nazionale di “Solo cose belle”

colonna Sinistra
Venerdì 10 maggio 2019 - 15:43

Cinema, cast e sorrisi alla prima nazionale di “Solo cose belle”

Nelle sale il film-manifesto dedicato al rispetto delle diversità
Cinema, cast e sorrisi alla prima nazionale di “Solo cose belle”

Roma, 10 mag. (askanews) – Applausi e sold mercoledì sera a Roma, al Nuovo Cinema Aquila, per l’esordio in sala di “Solo cose belle”, il film diretto da Kristian Gianfreda, che racconta con i toni brillanti della commedia all’italiana la vita di una casa famiglia e il suo rapporto con un paesino dell’entroterra romagnolo, pieno di paure e di pregiudizi.

La première, svoltasi in presenza del regista e del cast, ha conquistato il pubblico romano grazie all’immediatezza dello stile e alla freschezza del racconto, capaci di emozionare e al contempo di far riflettere. Il film prodotto e distribuito da Coffee Time Film e da Sunset Produzioni, in associazione con le Cooperative della Comunità Papa Giovanni XXIII, La Fraternità e Il Calabrone, e presentato in Senato martedì scorso dalla Presidente del Senato, affronta un tema quanto mai attuale ed è già diventato un film-manifesto per il rispetto di tutte le diversità e contro ogni forma di emarginazione. Dopo Roma, la pellicola di Gianfreda si appresta al battesimo in altre importanti città d’Italia con altre proiezioni, eventi e dibattiti.

“Sono commosso – ha spiegato il regista Gianfreda a margine della première – dall’entusiasmo della Capitale, che ha accolto questo film con un’attenzione straordinaria. L’opera è un manifesto dedicato al valore delle differenze, alla lotta contro l’emarginazione e alla bellezza racchiusa nel superare la paura della diversità, specialmente in un momento storico e politico come quello che stiamo vivendo”. Questioni cruciali del nostro tempo, dunque, raccontate attraverso una commedia corale e brillante che prende le mosse dall’incontro-scontro di due mondi solo apparentemente lontani. Da una parte, infatti, c’è un paesino dell’entroterra romagnolo alle prese con le prossime elezioni comunali; dall’altra c’è una casa famiglia in cui si muovono personaggi differenti: una mamma e un papà, un richiedente asilo appena sbarcato, un’ex-prostituta, un giovanissimo ex carcerato e due ragazzi con gravi disabilità.

Presenti alla prima: Barbara Abbondanza, Patrizia Bollini, il regista Kristian Gianfreda, Erica Zambelli, Luigi Navarra, Giorgio Borghetti, Idamaria Recati, Federica Pocaterra.

La trama. Tutto ha inizio quando Benedetta (Idamaria Recati), la figlia sedicenne del sindaco (Giorgio Borghetti), entra in contatto con questa realtà: un microcosmo in cui vivono tante persone con un passato difficile alle spalle, ma con un forte desiderio di riscatto. A dispetto delle convenzione sociali del mondo da cui proviene, la ragazza si innamora del giovane ex carcerato Kevin (LuigiNavarra), creando scompiglio nell’intera comunità. Sarà proprio la conseguente reazione a catena condita da sospetti, lacrime, risate e sgomberi, a far venire alla luce la bellezza dell’accoglienza e l’importanza della solidarietà.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su