venerdì 09 dicembre | 14:41
pubblicato il 29/nov/2016 14:09

Rossi (Toscana): stop a morti in cave marmo o stop a estrazione

"C'è un punto oltre il quale non si può andare"

Firenze, 29 nov. (askanews) - Se non si porrà fine alla tragedia dei morti sul lavoro nelle cave di marmo di Carrara, si dovrà cominciare a "ragionare" di una sospensione dell'attività di escavazione. Lo ha detto il presidente della Toscana, Enrico Rossi, alla luce dell'ennesima morte bianca, avvenuta ieri in una cava. "Faccio appello a tutte le persone consapevoli e coscienti - ha precisato Rossi - perché sul rispetto della vita umana si produca una svolta, senza la quale non credo che alla lunga sia possibile pensare a una prosecuzione dell'attività di escavazione. C'è un punto oltre il quale il conflitto supera anche la dimensione locale, e diventa un grande tema di carattere nazionale. Io non vorrei arrivare a questo punto, ma se continuano ad accadere fatti di questo tipo per quel che mi riguarda come presidente della Regione Toscana penso che bisognerà cominciare a ragionare su queste cose - ha concluso Rossi - se non c'è questa svolta".

TAG CORRELATI
ARTICOLI CORRELATI
Medicina
Nuova frontiera contro il cancro
Campidoglio
Non necessariamente Metro
Bilancio
Zingaretti scalda motori campagna elettorale