sabato 21 gennaio | 02:02
pubblicato il 14/gen/2017 13:31

Nuovi Lea e piano nazionale vaccini, Bonaccini: passo avanti

Per innalzare il livello di tutela della salute dei cittadini

Roma, 14 gen. (askanews) - Un passo avanti straordinario per innalzare il livello di tutela della salute dei cittadini, a partire dalle vaccinazioni, e per estendere a tutto il Paese prestazioni che in Emilia-Romagna, in gran parte, sono già un diritto. La Regione accoglie con soddisfazione il via libera del Governo ai Lea, i Livelli essenziali di assistenza, e al Piano nazionale vaccini, ed è già pronta a fornire le prestazioni nuove che vengono introdotte.

"Siamo orgogliosi di avere aperto la strada, soprattutto sui vaccini, che abbiamo reso obbligatori per l'iscrizione ai nidi, considerandoli un'essenziale misura di prevenzione e come tale da fornire attraverso il servizio sanitario regionale- commentano il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e l'assessore alle Politiche per la salute, Sergio Venturi-. L'Emilia-Romagna è già pronta a fornire le nuove prestazioni introdotte".

Tra le principali novità dei Lea, infatti, c'è l'introduzione gratuita di alcuni vaccini per contrastare: lo pneumococco per gli anziani; la pertosse sia negli adulti sia nelle donne in gravidanza; la varicella in età pediatrica; il papilloma virus anche nei bambini dai 9 anni di età; il meningococco di tipo B, che sarà fornito gratuitamente ai nuovi nati dal 1° gennaio 2017. Un vaccino che in Emilia-Romagna è già reso disponibile per tutti, fino al compimento del diciottesimo anno d'età, a tariffa agevolata.(Segue)

TAG CORRELATI
ARTICOLI CORRELATI
Sardegna
"Da Protezione Civile Sardegna aiuti inadeguati"
Maltempo
Quasi raggiunta una settima persona, 10 in tutto ritrovati vivi
Sanità
Prestazioni gratuite con eccezione antipapilloma virus